Courmayeur, l'ex sindaco Blua e altri 10 condannati per il caso Mont Blanc Energie

 

Dovranno risarcire 226.060 euro per la centrale mai costruita

AOSTA. C'è anche l'ex sindaco di Courmayeur Romano Blua tra gli undici condannati dalla Corte dei conti sulla vicenda della realizzazione di una centrale idroelettrica, mai costruita, tramite la società mista pubblico-privato Mont Blanc Energie costituita nel 2005. La procura contestava un danno ai conti pubblici di più di 1,2 milioni di euro, ma per una parte di questa somma è intervenuta la prescrizione. I giudici contabili hanno condannato Blua, i consiglieri di maggioranza in carica all'epoca, l'ex segretaria comunale e due amministratori della società a risarcire in totale 226.060 euro.

In particolare la somma da pagare per l'ex sindaco e i due amministratori, Roberto Milliery e Valter Zucca è di 37.768 euro. L'ex segretaria comunale Anna Longis, l'ex vicesindaco Ennio Mochet, gli ex consiglieri comunali Francesco Caligiana, Alessia Di Addario, Mario Ravello, Mario Esposito, Sandra Pasi e Teodoro Argese sono invece stati condannati a risarcire 14.163 euro.

Il risarcimento richiesto dalla procura riguardava in parte  le spese "finanziate e sostenute dal Comune di Courmayeur, tramite fideiussione, per effettuare gli interventi ritenuti, erroneamente, necessari e sufficienti a preservare la Valutazione d'Impatto Ambientale che era stata prorogata fino al 23 dicembre 2007" pari a 753.536 euro e la condanna ammonta al 30% di queste. La restante parte, ormai in prescrizione, era invece legata alle spese "per la costituzione, la gestione e la liquidazione della società Mbe".

 

M.C.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it