Hybris, esclusa in Appello l'aggravante del metodo mafioso

 

Pene ridotte per i tre Taccone e i due Mammoliti

martello-giudice1x200AOSTA. La Corte di Appello ha disposto una forte riduzione di pena nella sentenza di secondo grado sul processo nato dall'inchiesta Hybris. I giudici di Torino hanno escluso l'aggravante del metodo mafioso per i cinque imputati, condannandoli in tutto a 12 anni.

In particolare Claudio Taccone, 47 anni, è stato condannato a due anni di carcere, il figlio 20enne Ferdinando a tre anni, due mesi e venti giorni e l'altro figlio, il 22enne Vincenzo, a due anni, sette mesi e venti giorni. Per Santo Mammoliti, 41 anni, la pena è di un anno e otto mesi mentre Domenico Mammoliti, di 28 anni, è stato condannato a due anni, sei mesi e venti giorni.

I cinque erano stati arrestati a giugno 2013 per una serie di episodi tra cui un tentato omicidio e un incendio con fini di estorsione. Le indagini erano state compiute dai carabinieri di Aosta con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Torino.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it