Furti in appartamento in Valle d'Aosta, sgombinate due bande di professionisti

 

Fermati otto georgiani. Erano addestrati con tecniche paramilitari

AOSTA. Due bande di topi d'appartamento sono state sgominate dai carabinieri che hanno indagato su numerosi furti avvenuti in appartamenti delle città del Nord Ovest, in Valle d'Aosta, Piemonte e Lombardia.

Sotto la guida della procura di Ivrea, le indagini dei militari del Comando provinciale di Torino hanno permesso di identificare otto componenti dei due gruppi che si erano specializzati in questo tipo di reati.

Le bande in questione sono ben organizzate. Alla guida c'è un "ladro di legge", status riservato a personaggi di spicco della criminalità che hanno trascorso degli anni in carcere e sono legati alla criminalità organizzata georgiana. I componenti seguono nel proprio Paese un rigido addestramento con tecniche paramilitari ed imparano ad aprire qualsiasi tipo di porta con il cosiddetto grimaldello bulgaro. Una volta arrivati nella zona scelta per i furti, agiscono in fretta e fanno perdere le proprie tracce.

Parte della refurtiva trovata dagli uomini dell'Arma era nascosta in una cassetta di sicurezza in una banca a Torino ed all'interno di peluches. In tutto, tra contanti, monete d'oro e altri oggetti rubati è stata recuperata merce per un valore di oltre un milione di euro.

I carabinieri della compagnia di Chivasso hanno fermato gli otti malviventi mentre si apprestavano a rientrare in patria con le rispettive famiglie. Secondo gli inquirenti dovevano essere sostituiti da altri connazionali.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it