Casinò, accertamenti della Corte dei Conti su mutui erogati da Finaosta

 

Si valuta danno erariale. Prestiti concessi malgrado la "inadempienza probabile" della Casa da gioco

FinaostaAOSTA. I mutui concessi negli ultimi anni da Finaosta al Casinò di Saint-Vincent finiscono nel mirino della Corte dei conti della Valle d'Aosta.

Nell'ambito di alcuni accertamenti finanziari sulla casa da gioco valdostana, la procura contabile ha disposto l'acquisizione dei contratti relativi ad alcuni finanziamenti accesi con la società finanziaria regionale per totale di 80 milioni di euro.

La lente d'ingrandimento della Corte dei Conti si sta concentrando su tre finanziamenti. Il primo è quello da 50 milioni di euro che ha finanziato la costruzione del resort esistente e che è stato acceso nel 2012 tramite CVA. Per questo la Guardia di finanza nei giorni scorsi è stata negli uffici di Finaosta e della Compagnia Valdostana Acque e ha acquisito della documentazione. Il secondo mutuo, da 10 milioni, risale al 2013; il terzo infine, da 20 milioni di euro, è stato erogato a dicembre 2015 nonostante pochi mesi prima, a settembre, Finaosta avesse classificato sotto la voce "inadempienza probabile" la casa da gioco.

La magistratura contabile vuole quindi capire se i mutui sono stati erogati correttamente e perché Finaosta abbia continuato a prestare ingenti somme di denaro nonostante quella "inadempienza probabile".

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it