VdA Unie: per i seggi elettorali individuare sedi alternative alle scuole

'Gli alunni non sono sui banchi da marzo, bisogna evitare che l'anno scolastico inizi con una sospensione'

 

seggiAOSTA. I seggi elettorali per le elezioni di settembre dovrebbero essere allestiti in sedi diverse dalle scuole per non appesantire la "già complessa situazione della ripresa scolastica". Lo affermano in una nota i candidati della lista Vallée d'Aoste Unie (Mouv' e Vda Ensemble) chiedendo che gli enti locali scelgano, quando possibile, di allestire i seggi in centri congressi, saloni comunali e altri edifici pubblici.

"Siamo consapevoli delle difficoltà che le istituzioni scolastiche, insieme con gli enti locali, stanno affrontando per garantire la riapertura delle scuole in sicurezza - spiegano i candidati consiglieri regionali della lista - e crediamo che sarebbe opportuno evitare di complicare ulteriormente le cose obbligando i plessi ad opere di smantellamento e sanificazioni ulteriori che graverebbero sulla logistica, i bilanci comunali e la didattica. Vogliamo ricordare che gli alunni di ogni ordine e grado non sono sui banchi di scuola da marzo e iniziare l'anno scolastico con una sospensione causata dall’allestimento dei seggi sarebbe da evitare, anche per rispetto delle famiglie che sono già abbastanza disorientate dal bombardamento di voci sulle modalità di ripresa dell’attività didattica".

Secondo Vda Unie "lo svolgimento delle consultazioni elettorali in epoca CoVid obbliga a rivedere schemi e modalità di organizzazione dei seggi consolidati nel tempo. Tanto vale fare un ragionamento più approfondito che consentirà anche in futuro di risparmiare alle scuole sospensioni delle lezioni che si potrebbero evitare”.

 

Clara Rossi

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it