On. Tripodi: la legge anti-Dpcm è fumo negli occhi

 

Elisa TripodiROMA. "La nuova legge regionale, che già molti chiamano “legge Anti-Dpcm”, non fa altro che creare confusione e viene utilizzata come arma politica da brandire, ovvero come bandiera da sventolare senza tenere conto della reale situazione". Parole della deputata valdostana Elisa Tripodi, esponente del Movimento 5 stelle, riferita alla legge regionale di gestione dell'emergenza sanitaria Covid approvata ieri che il governo italiano molto probabilmente impugnerà.

"Come rappresentante delle istituzioni riconosco la grande difficoltà dei commercianti e le peculiarità dell'economia di montagna, e non solo in merito alla Valle d’Aosta. Ai cittadini della mia regione però, chiedo che non sfugga la gravità della situazione sanitaria e la sostenibilità dell'ospedale Parini", afferma la deputata pentastellata. "La vostra rabbia è legittima, soprattutto per coloro che hanno un’attività propria. Questa legge, però, è fumo negli occhi, e lo dimostra anche la grande esclusa: la Scuola".

Nel suo intervento aggiunge: "Nessuno vuole restrizioni non necessarie, e nessuno vuole allungare un minuto più del dovuto questa situazione di limitazioni continue. Questo è stato un anno duro, un anno buio per tutto il Paese. Stiamo facendo di tutto con qualsiasi mezzo per sostenere l’economica locale, e la vera battaglia politica, ora, deve essere incentrata sui ristori e sul contenimento dei contagi, e non su finte promesse di leggi che saranno impugnate".

"Alla Camera dei deputati - conclude l'on. Tripodi - sono stati depositati emendamenti alla legge di bilancio e altrettanti ne sono stati consegnati al senato per le imprese valdostane e per le scuole (di cui nessuno continua a parlare). Io chiedo al governo valdostano un sostegno per farli approvare, Questa è la battaglia da condurre, non la mera propaganda che pagheranno solamente i commercianti e i malati. Una battaglia da condurre tutti insieme per uscire da questa emergenza e dare segnali concreti".

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it