Ferrovia, il taglio delle corse in Valle d'Aosta preoccupa anche il Piemonte

Interrogazione al Senato rivolta al Ministro Lupi dopo gli annunci di Trenitalia

 

AOSTA. Una interrogazione è stata presentata al ministro dei Trasporti Maurizio Lupi sul taglio delle corse ferroviarie in Valle d'Aosta preannunciata la scorsa settimana da Trenitalia.

A metterla nero su bianco è stato il senatore piemontese Enrico Buemi (Psi) che ha chiesto al ministro "quali iniziative intenda adottare per ripristinare le linee cancellate", 52 su 89 a partire da domenica prossima, e per "risolvere la grave situazione di disagio derivante" dal taglio.

"La decisione di ridurre del 60% le corse, cancellando linee che i pendolari canavesani considerano strategiche, causerà disservizi a catena - sottolinea Buemi - anche perché il territorio compreso tra Ivrea e Carema conta una popolazione di 30 mila persone, tra cui molti pendolari".

La cancellazione di numerose corse, ha motivato Trenitalia, è dovuto al mancato pagamento dei 78 milioni di euro per i servizi erogati dal 2011, mai pagati.

Per analizzare la situazione oggi le segreterie regionali dei trasporti hanno convocato un'assemblea che si svolgerà alle 20.30 al dopolavoro ferroviario di Aosta. All'incontro sono invitati a partecipare anche gli utenti e i cittadini.

Domani invece l'assessore ai trasporti Aurelio Marguerettaz sarà a Roma.

1P  2x200  3P

 

Clara Rossi

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it