.

In Consiglio Valle una mozione sull'Iva sugli assorbenti femminili

L'iniziativa propone anche di mettere a disposizione prodotti igienico-sanitari femminili gratuitamente nelle scuole

 

Consiglio Valle

Il Consiglio regionale della Valle d'Aosta tornerà a riunirsi la prossima settimana, il 20 e 21 ottobre. Tra gli argomenti in esame figura anche la riduzione dell'Iva per i prodotti igienico-sanitari femminili.

Il tema è affrontato da una mozione firmata da diversi gruppi (Pcp, Av-Sa, VdA Unie e Uv) per sostenere la richiesta di abbassare l'Iva dal 22% al 4% per questo tipo di prodotti.

Nella nostra regione l'argomento "Tampon tax" era già stato trattato anche dal Comune di Aosta con l'approvazione, a marzo, di un ordine del giorno per sollecitare il governo italiano e i parlamentari valdostani a promuovere iniziative legislative che riducano l'Iva. In Italia anche i Consigli regionali di Lombardia ed Emilia Romagna hanno promosso iniziative simili.

«Il ciclo mestruale non dovrebbe essere un lusso», si legge nella mozione depositata in Consiglio Valle. «Gli assorbenti igienici sono costosi. In Italia, come in molti altri paesi, sono ancora soggetti all'aliquota IVA massima, che in Italia è del 22%. Ingiustizia che a livello nazionale si sta cercando di rimediare, ma la strada da intraprendere è incerta».

La risoluzione che l'aula esaminerà impegna la giunta regionale a sostenere l'introduzione dell'aliquota agevolata al 4% e a sollecitare i Comuni valdostani ad applicare sugli assorbenti femminili degli sconti nelle farmacie comunali come già fatto ad Aosta. Inoltre il testo suggerisce di avviare un progetto per mettere a disposizione nelle scuole gratuitamente prodotti igienico-sanitari femminili e a organizzare nelle classi momenti di sensibilizzazione sul ciclo mestruale.

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it