Via libera al "Progetto Cogne 2016" per la riconversione industriale dello stabilimento di Aosta

Il piano sarà attuato nel biennio 2015-2016

AOSTA. Regione, Cogne Acciai Speciali e Comune di Aosta sono tutti coinvolti nel progetto di riconversione industriale dello stabilimento CAS. Chiamato Progetto Cogne 2016, «è stato avanzato dalla CAS e fa seguito al Progetto Cogne 2010» ha spiegato in conferenza stampa l'assessore regionale alle Attività produttive, Pierluigi Marquis.

Il nuovo Progetto, il cui protocollo d'intesa è stato approvato oggi dal Governo regionale, «sostanzialmente ha reinterpretato le esigenze dell'azienda a seguito della crisi e dei piani industriali che nel frattempo sono stati ridefiniti - ha detto l'assessore -. Questi piani prevedono il riposizionamento della CAS sul mercato e hanno determinato nuove esigenze» in termini di riconversione produttiva. Il piano è stato infatti aggiornato per essere in grado di rispondere al nuovo modello produttivo e commerciale dello stabilimento attraverso una serie di priorità e di azioni che verranno messe in pratica nel biennio 2015-2016.

Marquis ha sottolineato «quanto la Cogne sia importante per la Valle d'Aosta sotto il profilo occupazione e dello sviluppo economico. Contiamo che queste azioni intraprese possano garantire un futuro all'insegna della tradizione di questa azienda».

Quattro le priorità fissate nel documento: un nuovo ingresso a est e l'adeguamento dell'area di sosta e parcheggio; la messa in sicurezza del capannone della vecchia fucina che sarà utilizzato per la produzione e lo stoccaggio di nuovi prodotti; una nuova area di stoccaggio all'aperto con l'abbattimento dei capannoni più fatiscenti e la copertura dell'area attuale di stoccaggio all'aperto; l'ampliamento del "parco rottami" con relativa copertura.

Per quanto riguarda l'aspetto ambientale, questo è stato inserito nell'Autorizazione integrata ambientale che è stata rinnovata nel 2012, fa sapere l'assessorato spiegando inolte che l'investimento da parte dell'Amministrazione regionale per il nuovo Progetto è di 700.000 Euro mentre la CAS si impegnerà con investimenti per oltre 800.000 Euro.

 

M.C.

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it