REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Ebola, consigliera regionale Lombardia: "autorità lombarde hanno mancato sul fronte responsabilità""

Così Maria Teresa Baldini sul rientro del medico valdostano dalla Sierra Leone

 

AOSTA. "Ha fatto bene l'ASL di Aosta a isolare il paziente precauzionalmente per 21 giorni, mentre tutte le autorità che in Lombardia hanno permesso che egli viaggiasse in treno senza particolari accorgimenti hanno mancato sul fronte responsabilità".

Lo dichiara in una nota Maria Teresa Baldini, consigliera regionale della Lombardia del Gruppo Misto e coordinatrice Popolari per l'Italia Regione Lombardia, a proposito dell'operatore sanitario di Quart tornato in Valle d'Aosta dopo aver lavorato in ospedali con Emergency in Sierra Leone, una delle zone più colpite dall'epidemia di ebola.

"Il medico è sbarcato a Malpensa nel pomeriggio di ieri come un passeggero qualunque ed è stato sottoposto a controlli che ne hanno attestato la buona salute, poi – prosegue Baldini – ha raggiunto Aosta partendo in treno da Milano: è pazzesco, sottovalutando così la situazione si spalancheranno le porte al virus mortale, ricordo che il virus ha un'incubazione da 2 a 21 giorni ed è comuque un filovirus la cui presenza andrebbe accertata in maniera meno sbrigatica", è scritto nel comunicato.

"Proprio ieri – chiude la consigliera – ho preparato una mozione affinché gli operatori di Sierra Leone e Guinea che esporranno a Expo 2015 a Milano vengano controllati rigidamente, l'episodio del medico di Emergency mi sembra che abbia dimostrato quanto sul fronte prevenzione si stiano usando metodologie sbrigative e blande: l'isolamento di 21 giorni avrebbe dovuto essere messo in atto già all'arrivo dell'uomo in Lombardia".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it