.

Adu: Bertin e il Consiglio regionale non impediscano il referendum consultivo elettorale

Dal presidente del Consiglio Valle 'atteggiamento di chiusura e collusione con gli unionisti' 

 

«Bertin e il Consiglio regionale non impediscano il referendum consultivo». Lo afferma Adu in una nota di commento sulla mancata iscrizione all'ordine del giorno del Consiglio regionale della delibera sulla consultazione referendaria in tema elettorale.

«Riteniamo sbagliato - scrive Adu - il comportamento della maggioranza regionale e, in particolare, del Presidente del Consiglio Bertin che di fatto sta ostacolando, se non impedendo, il referendum popolare consultivo sulla riforma elettorale. È infatti sempre importante sentire quale sia l'opinione dei cittadini».

Secondo Adu «con questo atteggiamento di chiusura e collusione con gli unionisti, Bertin dimostra che una delle cause dell'attuale crisi politica sono i cosiddetti indipendenti, quei consiglieri regionali che non riconoscono nessun gruppo e sfuggono ai principi della democrazia rappresentativa, che decidono non in base al bene comune, ma in base alla propria personale carriera politica, che attraversano le legislature cambiando i movimenti e usando le liste come taxi».

«Senza un progetto collettivo e un riconoscimento della dignità della forma organizzativa del partito, anche la migliore riforma elettorale rischia di essere inefficace o, peggio, di dare ancora più importanza ai personalismi», conclude la nota.

 

 

redazione

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it