.

Caro energia, la Giunta regionale approva il ddl con gli aiuti a famiglie e imprese

Stanziati 12 milioni di euro di cui 4 milioni per le famiglie valdostane con Isee sotto i 20mila euro e 8 milioni per le imprese

 

Palazzo regionale

La Giunta regionale della Valle d'Aosta ha approvato oggi il disegno di legge sulle misure di contrasto all'aumento del costo dell'energia. 

«Come annunciato negli incontri con le parti sociali dei giorni scorsi - si legge in una nota della Regione -, il provvedimento stanzia 12 milioni di euro di cui 8 milioni per le imprese valdostane e 4 milioni a supporto delle famiglie residenti nel territorio regionale con ISEE non superiore a 20 mila euro».

Il provvedimento passa ora all'esame del Consiglio regionale.

Contributi per le famiglie

Il ddl approvato dal governo regionale prevede per le famiglie un contributo una tantum a fondo perduto con importo variabile in base all'Isee e al numero di componenti del nucleo familiare. La domanda andrà presentata tramite autodichiarazione utilizzando una piattaforma telematica regionale entro il 31 ottobre 2022. Il contributo è cumulabile con gli aiuti statali approvati nel 2022 contro il caro energia.

La Giunta regionale «stabilisce, con propria deliberazione, ogni ulteriore requisito, aspetto, modalità e termini procedimentali per la concessione dei contributi», si legge nella proposta di legge.

Contributi per le imprese

Per le imprese con sede legale o operativa in Valle d'Aosta e per i proprietari di alpeggi o titolari di aziende agricole i contributi sono erogati per «favorire la ripresa delle attività economiche e produttive nell'attuale contesto eccezionale di crisi internazionale e di incremento dei prezzi dell'energia e delle materie prime».

Si tratta anche in questo caso di contributi a fondo perduto da richiedere entro il 31 ottobre «a parziale copertura dei costi per investimenti in beni strumentali o opere di adeguamento degli spazio funzionale all'esercizio dell'impresa, sostenuti dal 1° giugno 2022 al 31 ottobre 2022».

L'importo dell'aiuto copre il 30% della spesa complessiva ammissibile e il 40% degli investimenti per l'efficientamento energetico o il miglioramento delle condizioni di approvvigionamento idrico. La spesa ammissibile dovrà essere di almeno 5.000 Euro e non superiore ai 150.000 Euro.

Per richiedere il contributo serve presentare la documentazione fiscale e di pagamento degli investimenti compiuti entro il 31 ottobre 2022. È anche possibile presentare un preventivo di spesa e la documentazione che attesti il pagamento di almeno il 20% della spesa per la quale il contributo è richiesto. In quest'ultimo caso l'impresa che ottiene il contributo ha 18 mesi di tempo per ultimare l'investimento e completare il pagamento.

Anche nel caso dei contributi per le imprese la proposta di legge specifica che la Giunta regionale «stabilisce, con propria deliberazione, ogni ulteriore requisito, aspetto, modalità e termini procedimentali per la concessione dei contributi di cui al presente articolo, compreso il dettaglio delle spese non ammissibili e di quelle per le quali la percentuale dei contributi è pari al 40 per cento».

 

 

Elena Giovinazzo

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2022 Aostaoggi.it