Bilancio 2015, il Consiglio Valle approva una serie di proposte della minoranza

 

Unanimità di voti su rilancio dell'edilizia, Isee, asili nido, formazione

 

AOSTA. Diversi ordini del giorno sono stati approvati nel corso della mattinata dal Consiglio regionale durante l'esame della finanziaria e del bilancio di previsione 2015-2017.

Consiglio-regionaleAll'unanimità è arrivato il via libera ad una proposta per rivedere il numero di fasce Isee presentata dal PD-Sinistra VdA, ad una iniziativa del M5s per ripristinare i fondi dei corsi di formazione per nuovi imprenditori e ad una proposta dell'Uvp per aumentare le risorse destinate agli asili nido. Sempre dell'Uvp e sempre con il voto favorevole di tutti i presenti è stato approvato anche un ordine del giorno che impegna il governo regionale ad attivare un piano straordinario di investimenti per rilanciare l'edilizia.

Sono state invece tre le astensioni all'iniziativa che impegna forze politiche e parlamentari a trovare l'accordo sul patto di stabilità per l'anno 2014 e per il triennio 2015-2017. Il testo è stato presentato da Uv, SA, Uvp, Alpe e M5s e ha incassato 31 "sì" e 3 astensioni del PD-SVdA.

Il Consiglio ha poi impegnato la Giunta regionale a elaborare un piano di valorizzazione immobiliare.

In mattinata l'Assemblea ha anche votato contro la proposta di Alpe di bloccare i lavori dell'aerostazione e di mettere in vendita l'immobile (insieme alla maggioranza ha votato no il M5s mentre Uvp e PD-SVdA si sono astenuti) e bocciato un odg dell'Uvp sul progetto strategico per l'accessibilità in Valle (17 sì e 18 astensioni di Uv e Sa).

Infine sono state ritirate una iniziativa di Alpe sull'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro (sul tema è già stato attivato un gruppo di lavoro) e una dell'Uvp sull'accatastamento dei terreni interessati dai riordini fondiari (l'assessore all'agricoltura si è assunto l'impegno di provvedere in tal senso).

Ieri il Consiglio aveva già approvato altre due proposte della minoranza sulla sburocratizzazione e sulla promozione turistica.

I lavori del Consiglio intanto proseguono.

 

C.R.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it