I dirigenti contro la sospensione del salario di risultato: "demagogia"

 

"Così si azzera il merito"

 

AOSTA. "Il paese intero sta attraversando un momento di grave crisi e siamo d'accordo che occorra un sacrificiocondiviso da parte di tutti, ma è una misura demagogica stabilire che siano solo i dirigenti a pagare".

RegioneLo affermano in una nota i segretari e i dirigenti degli enti locali della Valle d'Aosta bocciando l'emendamento approvato all'unanimità dal Consiglio Valle alla Finanziaria 2015-2017 per la sospensione del salario di risultato per il 2016 dei dirigenti del comparto unico e dell'Usl della Valle d'Aosta.

L'obiettivo dell'emendamento è ridurre la spesa del personale ma, evidenziano segretari e dirigenti, i consiglieri regionali che hanno votato il taglio del salario di risultato non hanno fatto altrettanto per ridurre le proprie indennità. Eppure, sottolineano, "l'ammontare dell'importo complessivo lordo annuo del salario di risultato per i dirigenti degli enti locali è in media pari a circa € 5.000 e varia a seconda dell'ente di appartenenza, mentre l'indennità lorda di un consigliere è di € 5.185 mensili a cui bisogna aggiungere la diaria, sempre mensile, di € 2.686, non soggetta a ritenuta".

Per dirigenti e segretari degli enti locali togliere il salario di risultato significa "azzerare il merito".

Sulla questione interviene anche la Dirva, associazione sindacale dei dirigenti della Regione. L'emendamento viene letto come un "messaggio di scarsa considerazione e fiducia nei confronti dei dirigenti che lavorano per garantire gli obiettivi del governo e il quotidiano funzionamento dei servizi pubblici".

L'associazione ricorda che "il sistema di valutazione e retribuzione dei dirigenti basato sui risultati è stato introdotto dalle leggi di riforma della pubblica amministrazione e recepito, anche in Valle d'Aosta, dalla legge regionale 22/2010 e dalla contrattazione di comparto" e, pur esprimendo "la propria contrarietà" all'emendamento, conferma la "disponibilità a collaborare e dare ogni sostegno professionale al governo e agli organi politici allo scopo di definire le migliori strategie e soluzioni alternative per far fronte alla situazione incombente".

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it