Rollandin: "le Funivie Monte Bianco sono interamente proprietà della Regione"

 

Il presidente della Regione: "impianto è in concessione, ma Finaosta detiene 50,01% della società"

Skyway-mbAOSTA. Le Funivie del Monte Bianco sono "interamente proprietà della Regione Valle d'Aosta che ha dato in concessione la gestione dell'impianto, mantenendo però di fatto, attraverso la finanziaria regionale, il controllo e il governo dell'intera Società, nella quale Finaosta detiene il 50,01 per cento del capitale azionario". Lo chiarisce in un comunicato il presidente della Regione, Augusto Rollandin, in un comunicato di risposta "alle critiche pervenute" ieri da "una forza politica".

"In questa ottica - continua Rollandin -, le deliberazioni inerenti fatti strategici dell'attività sono stati sottratti alla competenza del Consiglio di amministrazione e attribuiti all'assemblea, e quindi alla Finaosta. Così come la Finaosta delibera, in virtù della sua posizione di controllo, in ordine alla distribuzione di eventuali utili o riserve".

"Proprio per non procurare un arricchimento patrimoniale ai soci di minoranza - è scritto ancora nel comunicato - invece che agire per il tramite di contributo in conto impianti, come di norma viene fatto per il sostegno degli investimenti funiviari, la Regione ha deciso di realizzare la costruzione di nuovi impianti mantenendone la proprietà e affidandone, per suo conto, la realizzazione al concessionario Funivie Monte Bianco".

Ricorda ancora Rollandin: "All'inizio degli anni 2000, il demanio statale, in attuazione alla norme statutarie, ha trasferito la proprietà degli impianti alla Regione, che si è assunta l’onere di avviare il piano di rinnovo dell'infrastruttura, anche nell’obiettivo di adeguarla alla normativa tecnica nazionale. Nel 2010, da un'intesa Stato-Regione sulle grandi opere nazionali, siglata a Roma il 9 luglio, ne è derivato il progetto di riammodernamento".

La Skyway, conclude il presidente della Regione, è parte "delle grandi opere strategiche nazionali, volte alla modernizzazione e allo sviluppo del paese Italia. Il suo finanziamento verrà quindi in parte coperto dall'intervento dello Stato".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it