Varata dal governo valdostano la legge finanziaria 2016

 

Entrate ridotte di 79 milioni. Prevista riduzione dei contratti di servizi e un piano di alienazione degli immobili regionali

Regione2AOSTA. La legge finanziaria 2016 e il bilancio 2016/2018 sono stati approvati oggi dalla Giunta regionale. Il documento pareggia, al netto delle partite di giro, in 1.223 milioni per l'anno 2016, 1.197 milioni per l'anno 2017 e 1.203 milioni per l'anno 2018.

Per il 2016 le entrate, al netto del recupero dell'extra gettito Imu di 37 milioni, sono ridotte di 79 milioni rispetto al bilancio dell'anno in corso principalmente a causa della sentenza della Corte costituzionale sull'assegnazione delle imposte legate al territorio che, da sola, ha portato ad un taglio di 70 milioni.

Gli investimenti, sia pur in aumento rispetto allo scorso anno, si fermano al 10,89% della spesa che quindi, per il restante 89,11%, è legata alla spesa corrente. Stop alle grandi opere con ridimensionamento dei progetti per ospedale ed università; lavori pubblici concentrati su piccoli interventi di manutenzione e tutela del territorio; progetti per l'occupazione ed il lavoro sempre più basati su fondi europei sono alcuni dei punti cardine del bilancio. Per sostenere il settore turistico sarà sfruttato il mutuo da 100 milioni di euro con la Banca europea degli investimenti, inoltre sono confermati i cantieri forestali e, per quanto riguarda la casa, i mutui prima casa e contributi speciali come il Bon de chauffage. Il fondo per il contrasto alla povertà ed il sostegno all'economia sociale è stato inoltre portato a 11 milioni di euro. Il welfare resta il settore più delicato: per le politiche sociali sono stati messi a disposizione 54 milioni di euro.

Quanto ai costi, l'amministrazione ha programmato una revisione della spesa che comporterà una riduzione del 5% dei contratti di servizi in tutti i settori e confermato l'assunzione di 1 persona ogni 5 pensionamenti nell'ambito della razionalizzazione del personale.

Guardando invece alle entrate, l'Amministrazione regionale ha avviato l'iter per un piano di valorizzazione ed alienazioni degli immobili di proprietà regionale con l'obiettivo di incamerare nuove risorse.

 

Clara Rossi

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it