Scuola e lavoro, via libera a nuovi percorsi di istruzione e formazione professionale

 

La sperimentazione triennale partirà nelle scuole valdostane nell'anno scolastico 2016/2017

scuola-libriAOSTA. L'anno scolastico 2016/2017 segnerà per la Valle d'Aosta l'avvio dei nuovi percorsi triennale di istruzione e formazione professionale. Indirizzi e modalità di attuazione della sperimentazione sono stati approvati ieri dalla giunta regionale e permetteranno agli studenti che hanno superato la terza media di scegliere un percorso di apprendimento alternativo rispetto alla tradizionale formazione che passa attraverso la frequentazione di licei e istituti tecnici e professionali. I corsi consentiranno di ottenere una qualifica professionale, come già succede per istituti come lo Iar, il C. Gex di Aosta e l'Ipia di Châtillon, nell'ambito dei percorsi di istruzione professionale quinquennale scegliendo tra operatore elettrico, termoidraulico o del benessere (indirizzi estetica o acconciatura) oppure addetto alle vendite.

Secondo l'assessore regionale alle Attività produttive, energia e politiche del lavoro, Raimondo Donzel, questa è una «importante sperimentazione che risponde ad attitudini ed interessi di quei giovani indirizzati ad una formazione immediatamente spendibile nel mondo del lavoro valdostano. Era necessario - continua Donzel - costruire un sistema rispondente alle esigenze di una Valle d'Aosta che deve volgere lo sguardo al futuro e che deve confrontarsi con una nuova concezione del mercato del lavoro». La novità inoltre rappresenta «la precondizione per l'istituzionalizzazione di un sistema duale, che forte delle esperienze di Bolzano, Trento e della Svizzera, favorirà l'attivazione del quarto anno, con diploma professionale, e a seguito di intese con il Miur, dell'attivazione del corso annuale utile ai fini dell'accesso all'esame di Stato, sempre all'interno del canale della formazione professionale».

L'assessore all'Istruzione e cultura, Emily Rini, spiega che il nuovo sistema di formazione e istruzione professionale «si articola su due assi: da un lato il raggiungimento degli standard di sapere per la costruzione di un bagaglio culturale destinato ad un più adeguato vivere sociale, dall'altro l'acquisizione di tecniche professionali utili ad un più rapido inserimento nel mercato del lavoro. Si sancisce così un'effettiva parità dei diversi canali dell'offerta, che verrà promossa tra le famiglie e i ragazzi attraverso la conoscenza delle diverse opportunità».

Le proposte formative triennali sperimentali verranno realizzate dalle Istituzioni scolastiche Corrado Gex di Aosta e Enrico Brambilla di Verrès e presso gli enti di formazione professionale accreditati. Gli studenti seguiranno lezioni di teoria e pratica e parteciperanno a stage nelle imprese.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it