Renzi all'assemblea Confcommercio: Più coraggio e meno tasse, impegno a non aumentare Iva

 

Fischi dalla platea sul bonus di 80 euro

«Più coraggio e meno tasse, sono d'accordo». E' questa la premessa con cui il premier Matteo Renzi si è presentato alla platea dell'assemblea generale di Confcommercio. «Nei prossimi mesi ci sarà una discussione se intervenire di piuù sull'Irpef o su una misura di riduzione del cuneo o dell'Ires», ha spiegato Renzi, il quale ha po aggiunto: «prendo l'impegno irrinunciabile a non toccare l'Iva per il 2017. L'ultimo aumento dell'Iva è datato 2013, noi siamo al governo da febbraio 2014. Vi chiedo di riconoscerlo». In sala però si sono levati dei fischi quando Renzi ha parlato del bonus degli 80 euro.

«Che gli 80 euro non fossero apprezzati da voi si sapeva - ha commentato il premier - ma che siano una misura di giustizia sociale lo rivendico con forza. Io credo nella politica, fischiatemi pure se avete il coraggio. Se vuoi un paese che crede nel futuro hai bisogno di una politica che cambi passo, che sia politica con la P maiuscola».

«Noi oggi festeggiamo dai dati positivi, gli ennesimi, sull'occupazione - ha proseguito Renzi -. Dal 2008 al 2014 c'è stata una recessione pazzesca. Nel 2015 e nel 2016 qualcosa si sta muovendo. Ma ha coinvolto soprattutto altri settori. Vi parlo dei numeri dell'Istat, numeri che un altro paese che non vive di rancore dovrebbe accogliere in modo sorridente. Aver cancellato l'articolo 18 non ha tolto diritti, ha permesso di assumere 390mila a tempo indeterminato. Ma i lavoratori autonomi e la piccola impresa sono ancora in sofferenza».

Il premier si è poi soffermato sul tema dell'immigrazione. «Non c'è nessuna invasione, c'è un grande problema emergenziale certo, ma nessuna invasione - ha puntualizzato -. Quando c'è qualcuno che rischia di morire in mare, l'impegno del mio paese è quello di cercare di salvare quella persona prima di fare polemiche demagogiche e qualunquiste».

 

Clara Rossi

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it