Consiglio Valle, Possibile VdA a Cognetta: "faccia un passo indietro"

 

Su Bertin: accanimento contro di lui per il suo impegno a favore di una Commissione mafia

AOSTA. E' ancora l'elezione di Roberto Cognetta (M5s) a vice presidente del Consiglio regionale a tenere banco nel dibattito politico regionale. Sulla questione interviene anche Possibile VdA: "Le cariche di garanzia attribuite all'opposizione dovrebbero sempre essere scelte dai componenti dell'opposizione stessa e non nominati dalla maggioranza al solo scopo di inficiarne il ruolo", si legge in una nota, e "la brutta vicenda delle elezioni degli uffici di Presidenza del Consiglio Valle rientra perfettamente in questo opaco e disarmante scorcio di legislatura regionale".

"Non rispettare la forma, facendo i furbi, è indice manifesto di scarso o nullo senso delle Istituzioni, di una democraticità a uso variabile, quando conviene" continua il movimento invitando Cognetta a fare "un passo indietro al fine di non aggiungere il suo personale contributo al degrado della politica che il trasformismo imperante ha già ampiamente alimentato".

Quanto alla mancata elezione di Alberto Bertin (Alpe), superato nei voti proprio da Cognetta (9 contro 12), Possibile VdA parla di "forte sospetto che l'accanimento" nei suoi confronti "nasca dal suo impegno per l'insediamento di una Commissione consigliare antimafia".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it