Valle d'Aosta, parte la nuova scuola plurilingue


Più francese e inglese dall'anno scolastico 2016-2017. L'assessore Rini: «passaggio storico» - LE NOVITA' IN SLIDES

AOSTA. «Un passaggio storico per la nostra regione, un'opportunità in più per i nostri ragazzi che non poteva essere rimandata». Così l'assessore regionale all'istruzione e cultura, Emily Rini, ha definito il pacchetto di adattamenti alla realtà valdostana delle indicazioni nazionali per il curricolo scolastico. L'obiettivo è realizzare una scuola sempre plurilingue, con una parità di insegnamento in italiano e francese e l'uso dell'inglese sin dalla scuola dell'infanzia.

Le novità sono state illustrate dall'assessore in occasione della settimanale conferenza stampa di Giunta, a mezzogiorno a Palazzo regionale. La "riforma" partirà già dall'anno scolastico 2016/2017, che verrà inaugurato a La Salle il 12 settembre, e prevede un maggiore uso delle lingue nell'insegnamento delle varie discipline nelle scuole di tutti gli ordini e i gradi.

L'assessore Rini ha parlato di «gradualità» dei cambiamenti, che saranno modulati sulle esigenze e sulle risorse disponibili delle singole istituzioni scolastiche, e di un monitoraggio costante e puntuale della situazione per permettere di «correggere eventualmente il tiro» da qui alla fine del biennio di sperimentazione.

Gli adattamenti riassunti in slides
{lightgallery type=local path=images/gallerie/2016/adattamenti-scuolaslide2sett16 previewWidth=120}Le novità{/lightgallery}


Per adeguarsi alle nuove disposizioni l'assessorato ha lavorato su accordi di scambio per docenti e studenti con scuole estere francofone e anglofone, anche per accogliere insegnanti madrelingua, e stanziato 500.000 Euro nel triennio per proseguire nel fondamentale percorso di formazione dei docenti.

Rispondendo alle domande dei giornalisti sulle possibili resistenze agli adattamenti, Rini si è mostrata tranquilla: «capisco le preoccupazioni che questo nuovo percorso può creare, ma confidiamo nella collaborazione che gli istituti scolastici hanno mostrato finora» ha dichiarato.

 

Elena Giovinazzo

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it