REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

Asili nido Valle d'Aosta, proposta per abolire le quote aggiuntive per il part time

 

La proposta all'esame di Commissioni e Cpel. Discussi anche correttivi sull'Isee per scorporare terreni e immobili

AOSTA. Iscrivere i figli agli asili nido scegliendo la frequenza part time costerà di meno. Nell'ambito del Piano di azione 2016 per i servizi alla prima infanzia varato dalla giunta regionale, attualmente all'esame di Commissioni consiliari e Cpel, le quote aggiuntive per le frequenze part time sono state abolite. Per le famiglie significa un risparmio tra i 50 e gli 80 Euro mensili a seconda dell'Isee.

L'obiettivo della proposta è "quello di favorire nuovamente l'accesso delle famiglie ai nidi valdostani abbattendo i costi e gli irrigidimenti dei piani tariffari passati", si legge in una nota dell'assessorato regionale alla Sanità.

"Assieme all'importante accordo proposto alle parti sociali lunedì e sottoscritto martedì da tutte le sigle sindacali", commenta l'assessore alla Sanità Laurent Viéin, "le nuove misure introdotte sulle tariffe degli asili nido per le fasce part time rappresentano un'altra miglioria nel welfare valdostano, che la Regione sta rilanciando, per alleviare la spesa delle famiglie valdostane e rispondere, con maggiore flessibilità e convenienza economica, alle reali esigenze di conciliazione che una famiglia moderna vive quotidianamente".

L'assessore riferisce anche della possibilità di introdurre alcuni correttivi sull'Isee già discussa con le organizzazioni sindacali. L'idea è quella di "scorporare, per i valdostani, in sede di applicazione, i terreni e gli immobili che non producono reddito adattando quindi alla realtà socio-economica valdostana le disposizioni introdotte dallo Stato".

 

C.R.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it