Consiglio Valle, slitta l'approvazione del bilancio regionale

 

La II Commissione chiede altro tempo per esaminare nuovi emendamenti. La minoranza: "la finanziaria va riscritta"

AOSTA. L'approvazione del bilancio regionale da parte del Consiglio Valle dovrà attendere. La discussione sui due disegni di legge in II Commissione, che avrebbe dovuto concludersi oggi con l'espressione di un parere, non è ancora finita e pertanto l'analisi proseguirà per tutta la prossima settimana. Di conseguenza i due provvedimenti non approderanno in aula già nella seduta-fiume in calendario dal 29 novembre al 2 dicembre come era stato inizialmente previsto.

La decisione di prolungare la discusione e gli approfondimenti su bilancio e finanziaria "deriva dalla necessità di esaminare gli emendamenti pervenuti ancora oggi in commissione dall'assessore al bilancio nonché le osservazioni espresse dalle organizzazioni sindacali" riferisce il presidente della commissione Leonardo La Torre (Uv). Emendamenti che riguardano una delle parti più delicate del bilancio: gli ormai famosi 48,6 milioni di euro destinati alla casa da gioco di Saint-Vincent.

La proposta presentata in commissione dal presidente della Regione Rollandin e dall'assessore al Bilancio Perron prevede di lasciare "congelati" i 48,6 milioni nel fondo di gestione speciale Finaosta senza vincolo e dispone un "accantonamento tecnico" di 9,3 milioni per coprire le perdite del casinò. Il tutto in attesa di abbattere il capitale sociale dell'azienda di 70 milioni di euro, operazione che potrebbe arrivare già all'inizio della prossima settimana tra lunedì e martedì.

Al termine dei lavori della commissione la minoranza è partita all'attacco definendo un "coup de théâtre" gli emendamenti presentati da Rollandin e Perron. "Tali nuovi elementi hanno visibilmente colto di sorpresa i commissari di maggioranza" aggiungono Alpe, M5s e Gruppo Misto. "È importante evitare di portare la Regione a una gestione in esercizio provvisorio del bilancio che danneggerebbe seriamente la Valle d'Aosta - aggiungono i consiglieri -. Il nostro obiettivo rimane quello di riscrivere la finanziaria e siamo determinati al dialogo con le forze politiche che intendono andare in questa direzione".

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it