Oggi è il

Valle d'Aosta, un ragazzo tra servizi sociali e "fantapsicologia"

  • Pubblicato: Venerdì, 18 Ottobre 2019 15:59

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Pin It

adolescenteAOSTA. Quella che pubblichiamo oggi è la testimonianza di una madre fortemente preoccupata per il figlio che, pur affidato ai servizi sociali, non sembra essere tutelato come dovrebbe. 

Ci racconti come è iniziata la sua storia.
«Io ed il mio ex marito vivevamo fuori Valle. Lì sono nati i nostri due figli e lì hanno frequentato le scuole. Prima del divorzio il mio ex marito si è trasferito in Valle d'Aosta ed i figli entrambi sono stati affidati in via esclusiva a me, ma due anni dopo, su richiesta del padre - con cui sono in causa penale per il mancato pagamento degli alimenti dei figli - le condizioni di affidamento sono cambiate e ora mio figlio maggiore è stato collocato temporaneamente da lui, ma con affidamento ai servizi sociali».

Perché l'affido ai servizi sociali?
«L'affido ai servizi è stato deciso dal tribunale a seguito di una CTU (consulenza tecnica d'ufficio, ndr) con motivazione "alta conflittualità", terminologia che va molto di moda per non parlare di relazioni disfunzionali e di violenza e non prendere posizione a favore dei soggetti da tutelare. Ad ogni modo nonostante la mia iniziale resistenza confidavo che con l'affido ai servizi mio figlio sarebbe stato comunque tutelato. Ci siamo abituati alla distanza grazie al fatto che abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto e comunque ci vediamo e comunichiamo al telefono molto spesso. Posso dire di essere orgogliosa dei miei figli. Sono sempre stati anni difficili, "minacciata" per anni dal mio ex marito di mandarmi sotto un ponte e con i figli che non avrebbero più voluto saperne di me! Per fortuna così non è stato, ma solo grazie alla mia resilienza ed alla estrema vicinanza oltre che della mia famiglia anche di amici». 

In seguito cosa è successo?
«Terminato l'iter che ha portato al decreto per l'affidamento ai servizi sociali, ho cercato di prendere contatti con loro per conoscere le persone che avrebbero seguito mio figlio. All'inizio sono stati assolutamente molto disponibili all'ascolto anche se non avevano interesse ad incontrarmi e sono stata io ad insistere, soprattutto a seguito di una vicenda che ho reputato molto grave dove dapprima i servizi hanno finto di non sapere e poi hanno minimizzato. Come anche in altre occasioni, purtroppo. Mio figlio si è trovato ad essere lasciato a 15 anni da solo per due settimane in un contesto nuovo e sconosciuto perché il padre era andato in vacanza ed io ero all'oscuro di tutto. Mio figlio poi è rimasto in quel contesto, a pagamento, anche su sua richiesta. Qualche domanda verrebbe spontanea no? Non vive nella famiglia del padre, come stabilito da decreto! E non è l'unica incongruenza! Mio figlio ha bisogno di un supporto psicologico, come evidenziato dalla sua pediatra prima e poi dal CTU. Lo stabilisce anche il decreto, ma nonostante le innumerevoli mail che ho inviato fin da subito non ho mai ottenuto risposte, ma anzi accuse di non essere collaborativa. Ho richiesto da molto tempo una visita specialistica per mio figlio, ma il tempo passa e le sue difficoltà vengono travisate e strumentalizzate esclusivamente per dipingere un padre e una madre quello che non sono. A mio avviso si è completamente perso di vista l'obbiettivo principale ovvero di tutelare un minore. Anche noi genitori dovevamo fare un percorso di psicoterapia e sulla genitorialità, cosa che io ho fatto e che già facevo perché mi sono sempre interessata alle tematiche educative, psicologiche e pedagogiche in ambito genitori /figli. L’avrà fatto anche il padre? Non risulterebbe».

Quale rapporto ha con le istituzioni che seguono suo figlio?
«Mi aspettavo un coinvolgimento collaborativo e tutelante da parte dell'ente e invece è accaduto tutt'altro. La sensazione è che tutto quello che ho segnalato o richiesto negli anni a tutela e supporto di mio figlio non sia stato ascoltato e considerato. A volte non ho neanche ottenuto risposte alle telefonate o alle mail. Altre volte le risposte sono arrivate in ritardo di molto tempo e sono risultate intempestive e ormai superate. Ho atteso mesi prima di riuscire ad avere la prima relazione che era come mi aspettavo, ovvero non oggettiva e lontana dalla realtà».

Lei vorrebbe che il ragazzo tornasse da lei?
«in primis vorrei che mio figlio fosse veramente aiutato e tutelato, che riesca ad affermarsi e che sia felice. Certamente che vorrei tornasse, quale mamma non lo desidererebbe?».

 E suo figlio maggiore vuole tornare da lei?
«Ha avuto parecchi momenti di crisi. Credo fatichi a perdonarsi alcune cose, ricordo con grande dolore il giorno che fu chiamato a parlare con il giudice poiché portato dal padre. È uscito in lacrime, piangeva come un bambino. Io ero sconvolta da tutta la situazione». 

Lei cosa vorrebbe per suo figlio?
«Visto che è abbandonato a sé stesso e vedendolo solo 4 giorni al mese, manteniamo i contatti telefonici con costanza e mi auguro che i valori e l'esempio che ho potuto trasmettergli e che continuo a fare, possano essere un buon bagaglio per la sua crescita. Ormai la maggiore età si avvicina e sinceramente spero arrivi in fretta. Nessuno potrà mai recidere il nostro rapporto anche se, con molta sincerità, in alcuni momenti l'ho temuto perché il padre e la famiglia paterna mi hanno sempre denigrata e continuano a farlo. Mi auguro che il suo percorso scolastico possa essere di successo nonostante tutte le difficoltà. Mio figlio è un ragazzo molto intelligente e molto sveglio, un grande sportivo e vogliono anche limitare questa sua grande passione!».

 Cosa vorrebbe dire ai responsabili dei servizi sociali?
«Vorrei dire che il personale dovrebbe essere altamente qualificato e continuamente formato e che serve un controllo sul loro operato. Ho l'impressione che non ci sia affatto. Viene dato loro un grande potere, ma questo non si traduce spesso in una vera tutela per il minore. Sembrano non sapere cosa sia la violenza psicologica ed economica che spesso è più deleteria di tanti schiaffi. Soprattutto confondono ancora le dinamiche di violenza con la conflittualità. Vorrei anche dire che per entrare in una storia complessa come quella familiare è necessario spogliarsi dei propri pregiudizi e studiare la sua storia fin dall'inizio. È solo così che si tutelano i soggetti deboli. Invece c’è la pessima abitudine di vedere un pezzettino e sulla base di quello costruire un film di fantasia. La “fantapsicologia” accompagnata da grande incompetenza e pregiudizio fanno ancora più danni!».

 

 

Marco Camilli

 

 

 

 

Altre news di attualità

  • Il segreto delle antiche incisioni a spirale
    AOSTA. In molti luoghi della Terra, Valle d'Aosta inclusa, gli archeologi continuano a scoprire importanti resti risalenti al neolitico accomunati da una particolarità: incisioni con il simbolo della spirale. Recentemente questo simbolo è stato trovato anche in Irlanda in una tomba risalente a 5.500 anni fa. Ce ne parla Guido Cossard, noto archeoastronomo valdostano. Guido Cossard, perché è importante la scoperta?La recente scoperta testimonia ancora una volta come il simbolo della spirale sia importantissimo e diffuso in tutto il mondo. Lei, alcuni anni orsono, ha fatto uno studio approfondito sulla spiraleSì, ho fatto un lungo studio per dimostrare che non si tratta di un elemento decorativo, ma che rappresenta il moto del Sole nel cielo. Ci può riassumere i termini del lavoro?Se noi ci sforziamo di ragionare come potrebbe fare un ipotetico osservatore del neolitico, ci rendiamo conto di che cosa significhi l’incisione a spirale. Possiamo supporre che l’uomo del neolitico partisse da tre presupposti, completamente errati, ma profondamente spontanei e da giustificarsi, considerato il periodo.Primo: la terra è piatta; secondo: il moto del Sole è reale. Terzo: se il Sole sorge a levante, tramonta a ponente ed il giorno successivo sorge nuovamente a levante, significa che, durante la notte, esso è passato "sotto" la Terra. Ripeto: si tratta di idee primitive, ma allora l’uomo non poteva che ragionare così.Allora, se i punti di levata e del tramonto del Sole fossero fissi, il nostro osservatore concluderebbe che il Sole descrive un'orbita circolare attorno alla Terra. Invece il Sole cambia il punto in cui sorge (e tramonta) al trascorrere del tempo. Corrispondentemente cambiano gli archi che descrive nel suo percorso apparente nel cielo.Allora, il giorno del solstizio invernale, l'osservatore neolitico vede sorgere il Sole alla sua sinistra (verso sud‐est), descrivere un arco molto basso nel cielo, e, alla sera, tramontare alla sua destra (verso sud‐ovest). Ma il giorno successivo l'uomo neolitico vede il Sole che si leva non più nello stesso punto nel quale era sorto il giorno precedente, bensì in un punto spostato leggermente più ad est. Alla sera noterà che anche il punto del tramonto non sarà più lo stesso ma si troverà più a ovest. Egli avrà l'impressione che i due punti gli si siano avvicinati.Inoltre l'arco descritto dal Sole nel cielo sarà più alto. Di giorno in giorno il punto di levata si sposta verso est e quello del tramonto verso ovest. Quindi il moto del Sole é, per il neolitico, che pensa che di notte il Sole sia passato “sotto” la Terra, veramente una spirale. Una spirale che gira da sinistra a destra, aprendosi, svolgendosi, che noi chiamiamo quindi oraria. Tale moto continua fino a quando il Sole sorge nel limite estremo verso nord‐est e tramonta verso nord‐ovest. E' naturalmente difficile accorgersi delle variazioni del moto del Sole da un giorno all'altro. Dobbiamo immaginare osservazioni continuative nel corso dell'anno. Successivamente, il punto di levata del Sole inverte il moto; il neolitico osserverà allora gli archi che decrescono; i punti di levata e del tramonto si allontanano ora dall'osservatore e si avvicinano tra loro. Di conseguenza, la spirale adesso si chiude, si avvolge. Allora, dal solstizio estivo al solstizio invernale, la spirale é sempre percorsa da sinistra verso destra, ma in questo caso essa si chiude, si arrotola, in modo da dare origine ad una spirale che noi chiamiamo antioraria. Nell'insieme quindi, il percorso del Sole era, per il neolitico, una doppia spirale (visto che non si poteva inciderle sovrapposte) ed i punti di inversione erano al solstizio estivo ed al solstizio invernale. Esistono prove concrete che possano sostenere questa ipotesi?Naturalmente, per poter sostenere che il simbolo della spirale rappresenta il moto del Sole, é necessario trovare ora delle prove osservative. Possiamo, in estrema sintesi, parlare di alcuni siti nei quali si é individuata l'incisione a spirale, sottolineando il fatto che ne abbiamo selezionati solo alcuni tra i principali. In Irlanda, nella Valle del Boyne, poco a nord di Dublino, si trovano tre grandi tumuli: Newgrange, Dowth e Knowth. Il tumulo di Newgrange, di più di ottanta metri di diametro, ricopre un grande dolmen, caratterizzato da un recesso di fondo e da due camere laterali. Camera e corridoio sono costruiti con grande cura, in modo da provocare un ricercato fenomeno astronomico: nel giorno del solstizio invernale, il primo raggio del Sole nascente filtra nello stretto passaggio e lo percorre rapidamente, fino ad illuminare di colpo la camera di fondo, ove è scolpita una splendida tripla spirale. Il tumulo di Newgrange, lungo l'intero perimetro, è delimitato alla base da 97 pietre estremamente regolari. In particolare la prima, quella in corrispondenza dell'ingresso del tumulo, che è completamente ricoperta di splendide incisioni: profonde spirali, linee ondulate, quadrangoli. Anche i tumuli vicini di Knowth e Dowth presentano importanti correlazioni con il simbolo a spirale. Il tumulo di Gavrinis si trova in Bretagna, nel Morbihan, la zona francese più ricca di testimonianze megalitiche. Si tratta di una edificazione a gradoni, con un diametro di circa 50 metri, per 8 di altezza. Sotto il grande cumulo di pietre si trova un dolmen orientato sul punto in cui sorgeva il Sole nel giorno del solstizio invernale. Una pietra presenta una incisione a doppia spirale, sopra la quale si trovano tre enigmatiche cavità, che richiamano quelle presenti sulla pietra principale di Newgrange. Nel sud‐ovest degli Stati Uniti si trova un canyon, il Chaco Canyon (Nuovo Messico), nel quale sono stati rinvenuti numerosi petroglifi che vengono attribuiti alle tribù di Anasazi. In tale canyon, nel 1977, un gruppo di archeologi fece una importante scoperta che riguarda proprio una incisione a spirale, rivelatasi successivamente un prodigioso strumento per la misurazione del tempo. Su di una parete a picco, é stata incisa una doppia spirale, formata da una spirale oraria, a destra della quale si trova una seconda più grande spirale, a nove spire, che risulta invece antioraria. Vicino ad essa, tre lastre di pietra verticali, che si confondono con la parete rocciosa, producono un importante gioco di luce sulle spirali, che consente di stabilire la data. Al solstizio d'estate, una lama di luce attraversa la spirale più grande, dall'alto verso il basso, passando proprio per il suo centro. Al solstizio invernale, invece, due lame di luce si formano tangenti alla spirale maggiore. Inoltre, agli equinozi, mentre una piccola lama di luce attraversa la spirale minore, una lama di luce molto netta si forma a metà della parte destra della spirale più grossa ed attraversa la spirale tra il quarto ed il quinto giro. Alcune importanti incisioni svedesi (Tanumshede, Bohuslän) sono state recentemente studiate in chiave astronomica. Vogliamo riportare come esempio le incisioni di Bohuslän: nell'ambito di una serie di diverse incisioni, si notano delle impronte di piedi che potrebbero essere orientate in direzione del punto in cui sorge il Sole nel giorno del solstizio estivo. Più in basso si scorge una doppia spirale, sorretta da pilastri. E in Valle d’Aosta?Nel sito di Saint Martin de Corléans, ad Aosta, sono state individuate numerose strutture megalitiche, tra le quali notevoli stele allineate, un grande dolmen a piattaforma triangolare, alcuni dolmen più piccoli, piattaforme ed una allée couverte. Un dettagliato studio del Prof. Giuliano Romano, del Dr Franco Mezzena e mio ha mostrato che tutte le principali strutture presentano importanti orientamenti astronomici. A Saint Martin de Corléans, il simbolo della doppia spirale, come pendaglio, appare su stele. Inoltre all'interno del principale dolmen é stato rinvenuto un bronzetto, lungo circa 10 cm e alto 3. Si tratta di una lunula, che ricorda proprio una falce lunare, alle cui estremità sono arrotolate due evidenti spirali. Quali conclusioni si possono trarre?Altri simboli a spirale si trovano presso numerosi altri siti. Quindi possiamo sostenere che la spirale non fosse semplicemente un elemento decorativo, ma il simbolo ben preciso di un fenomeno astronomico. Sotto questo aspetto può quasi essere considerata come il un ideogramma antichissimo. Per chi volesse saperne di più?Può trovare tutta la teoria sul mio libro, Cieli Perduti, UTET, 2018, oppure consultare gli atti del XVI congresso nazionale di Storia della Fisica e dell’Astronomia, ove ho presentato il lavoro.       Marco Camilli          
  • Qualità della vita, nelle prime dieci posizioni c'è anche Aosta
    AOSTA. In Italia la qualità della vita è migliore al Nord rispetto al Mezzogiorno e le città più vivibili sono quelle di piccole e medie dimensioni: lo si evince dalla ventunesima edizione del rapporto di ItaliaOggi e Università di La Sapienza di Roma sulla situazione delle 107 province italiane.
  • Sicurezza stradale, in Valle d'Aosta -13% incidenti in autostrada
    AOSTA. Domenica 17 novembre si celebrerà la Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada. In questa occasione la Polizia stradale ha deciso di rendere noti i dati sugli incidenti stradali.
  • Trasporto pubblico locale, al via la mini rivoluzione
    AOSTA. Definirla una vera e propria rivoluzione è probabilmente eccessivo, ma sicuramente il Trasporto pubblico locale in Valle d'Aosta sta per vivere molti cambiamenti. È l'effetto delle nuove linee guida impostate dalla Regione che intendono rendere l'intero sistema più a misura di utente e più pratico sia per chi già lo utilizza tutti i giorni, come lavoratori pendolari e studenti, sia per coloro che al contrario lo usano solo saltuariamente. 
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075