.

Covid-19, Cdm approva le nuove disposizioni. Confermato stop a spostamenti tra Regioni

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto-legge sulle misure attive dal 16 gennaio. Rimane il blocco tra Regioni anche gialle. Istituita la "zona bianca"

 

centro di AostaAOSTA. Nella serata di ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo provvedimento sulle misure di contenimento del contagio da Covid-19. Il decreto-legge contiene le disposizioni valide dal prossimo 16 gennaio e introduce la cosiddetta "area bianca" per le aree con scenario di rischio basso.

Ecco il provvedimento più nel dettaglio.

Spostamenti tra Regioni a gennaio e febbraio

Ancora per un mese, fino al 15 febbraio 2021, rimane il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Visite ad abitazioni private

Dal 16 gennaio e fino al 5 marzo 2021 sull'intero territorio nazionale è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell'abitazione di destinazione. Sarà possibile portare i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti conviventi. Lo spostamento può avvenire all'interno della stessa Regione se è area gialla e all’interno dello stesso Comune se è area arancione o rossa. Rimangono le deroghe sugli spostamenti per i Comuni con meno di 5.000 abitanti sulle quali la Valle d'Aosta è intervenuta con un'ordinanza del presidente della Regione. Il provvedimento regionale ha rimosso il limite del raggio di spostamento di 30 km ed eliminato il divieto di recarsi ad Aosta in quanto comune capoluogo.

Istituita l'area bianca

In base agli scenari di rischio le Regioni possono essere area rossa, arancione, gialla o bianca. In quest'ultima fascia rientrano i territori con uno scenario di tipo 1, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. Nelle Regioni "bianche" (per ora nessuna) non si applicano le misure restrizioni, ma le attività devono rispettare specifici protocolli. Nelle zona "bianche" possono comunque essere adottate, con Dpcm, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

Piattaforma nazionale per i vaccini

Con l'obiettivo di agevolare la campagna di vaccinazioni anti Covid-19 il decreto-legge istituisce una piattaforma informativa nazionale "idonea ad agevolare, sulla base dei fabbisogni rilevati, le attività di distribuzione sul territorio nazionale delle dosi vaccinali, dei dispositivi e degli altri materiali di supporto alla somministrazione, e il relativo tracciamento". Le Regioni e le Province autonome possono inoltre utilizzare la piattaforma per prenotare vaccini, registrarne la somministrazione e trasmettere i dati al Ministero della salute.

Permessi di soggiorno

Tra le altre disposizioni il decreto-legge dispone la proroga dei permessi di soggiorno in scadenza entro il 30 aprile 2021.

 

 

Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it