.

Covid, anche per i riti religiosi restrizioni allentate dall'1 aprile

Con la fine dell'emergenza via il distanziamento minimo. Confermate le celebrazioni della Settimana Santa

 

Chiesa

Processioni sì, mascherine anche, segno della pace senza contatti fisici, acquasantiere ancora vuote: sono alcune delle disposizioni fornite in una circolare dalla Diocesi di Aosta in vista della cessazione dello stato di emergenza per il Covid-19.

Dal 1° aprile, se non ci saranno ripensamenti, alcune delle restrizioni anti Covid oggi in vigore cesseranno grazie alla fine dello stato di emergenza. Per i fedeli che frequentano le chiese questo passaggio consentirà di recuperare alcune delle abitudini pre-pandemia, ma non tutte.

Uno dei cambiamenti riguarda la possibilità di tornare a sedersi uno vicino all'altro senza dover osservare il metro di distanziamento, ma evitando comunque di creare assembramenti. Torna inoltre la possibilità di effettuare le processioni. Le celebrazioni della Settimana Santa potranno svolgersi regolarmente.

Altre limitazioni invece rimangono: le acquasantiere dovranno rimanere ancora vuote, le mascherine dovranno continuare ad essere utilizzate negli ambienti al chiuso, lo scambio del segno di pace va effettuato con lo sguardo e senza strette di mano o abbracci, l'Eucaristia va distribuita preferibilmente nella mano. Rimangono inoltre gli igienizzanti per le mani e l'indicazione di arieggiare i locali chiusi.

 

 

M.C.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it