Oggi è il

Interrogazione al Senato di Lanièce per esentare dall'Iva il rimpatrio delle salme dei caduti in guerra

  • Pubblicato: Mercoledì, 05 Agosto 2015 12:02

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Sono più di 16 mila i militari italiani morti nei campi di concentramento in Germania

senato2AOSTA. Eliminare l'aggravio delle tasse per i familiari che vogliono riportare in Italia le salme dei soldati caduti in guerra e sepolti all'estero. E' la finalità di una interrogazione presentata dal senatore Albert Lanièce, vice presidente del Gruppo per le autonomie, per esortare il govero ad intervenire.

«La Germania, per la riesumazione per il rimpatrio dei nostri Caduti, applica una tassa cimiteriale particolarmente gravosa ed il costo complessivo per il rimpatrio dei resti mortali di un Militare I.M.I è considerevole e comprensivo dell'Iva al 19%» ha detto Lanièce. «Le famiglie dei nostri militari, che morirono per il loro pensiero, la loro religione e il loro "no" alla richiesta di combattere a fianco dei nazi-fascisti, ora si vedono costrette, beffardamente, a sborsare una cospicua somma di denaro per ottenere le spoglie dei propri cari». L'esenzione dal pagamento dell'Iva sul rimpatrio delle salme sarebbe possibile andando a modificare il Dpr 633/1972.

Come ricordato dal senatore valdostano, alla data dell'armistizio siglato dall'Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale con gli anglo-americani, il numero dei militari italiani deportati e morti nei campi di concentramento nazisti è di circa 16.079. Negli anni '50 il Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra del Ministero della Difesa riuscì a rintracciare le spoglie degli italiani sepolti in Germania, facendole traslare nei cimiteri militari italiani d'onore. Nel 1999, grazie alla legge n. 204/1951 fu possibile far rientrare in Italia i loro resti.

 

E.G.

Altre news di attualità

  • Confermata la chiusura per 2 anni del Traforo del Monte Bianco
    COURMAYEUR. Il Traforo del Monte Bianco dovrà chiudere completamente al traffico per lavori di manutenzione straordinaria che dureranno circa due anni. La Società italiana del tunnel lo ha confermato in una lettera inviata al governo regionale in risposta alle richieste di informazioni inviate dopo che l'ipotesi di costruzione di una seconda galleria è tornata d'attualità.
  • Trasporti, il 21 gennaio sciopero anche in Valle d'Aosta
    AOSTA. Le organizzazioni sindacali della Valle d'Aosta hanno aderito allo sciopero di 4 ore proclamato il 21 gennaio per il settore dell'autonoleggio con conducente e delle autolinee del trasporto pubblico locale. La protesta riguarda il "pacchetto mobilità" proposto dalla Commissione europea che prevede la liberalizzazione dei servizi di trasporto delle persone con autobus e pullman all'interno dell'Unione Europea. 
  • Sostegno negato a bambino con disabilità: il Tar condanna la Regione
    AOSTA. Il Tar della Valle d'Aosta ha accolto il ricorso di una coppia che chiede l'attivazione, da parte dell'Amministrazione regionale, di un "progetto individuale di vita" per il figlio affetto sin dalla nascita da gravi disabilità e non autosufficiente.
  • Inail, in calo le denunce di infortuni sul lavoro in Valle d'Aosta
    AOSTA. Sono in calo le denunce di infortuni registrate in Valle d'Aosta dall'Inail. Nel rapporto sull'attività del 2018, con dati riferiti all'anno precedente, le denunce risultano 1.603, in calo dello 0,56 per cento rispetto al 2016 e del 2,43 per cento sul 2015.
  • Scuola, dal Miur 267mila euro alla Valle d'Aosta
    ROMA. Tre istituzioni scolastiche della Valle d'Aosta potranno accedere ai fondi statali per la messa in sicurezza e la costruzione di palestre ad uso scolastico. I progetti delle tre scuole sono compresi infatti fra i 93 interventi presentati da tutta Italia e inseriti dal Ministero dell'istruzione nell'elenco dei lavori che possono usufriore dello speciale bando nazionale del valore di 50 milioni di euro.
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075