Tentata estorsione e usura, resta ai domiciliari 47enne di Saint-Vincent

 

Respinta dal tribunale del Riesame la revoca chiesta dal legale di Cirelli

AOSTA. Pasquale Cirelli, 47 anni di Saint-Vincent, arrestato un mese fa per tentata estorsione, usura e spaccio di stupefacenti, rimane ai domiciliari. Il Tribunale del riesame di Torino ha infatti respinto il ricorso per revocare l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Aosta.

Le accuse rivolte a Cirelli, di professione muratore, riguardano la vendita di droga ad una "insospettabile" cliente di Saint-Vincent. L'uomo le avrebbe fatto credito salvo poi iniziare a chiedere sempre più soldi.

Le indagini sono state condotte dai carabinieri e coordinate dal pm Avenati Bassi. Cirelli è difeso dall'avvocato Corrado Bellora.

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it