REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

E' morto Walter Barbero, per lungo tempo direttore de La Vallée Notizie


Numerosi messaggi di cordoglio per la scomparsa del giornalista attivo anche in campo sportivo

Walter BarberoPONT-SAINT-MARTIN. E' morto al termine di una grave malattia Walter Barbero, 68 anni, per ventisei anni direttore del settimanale La Vallée Notizie. Nato a Montalto Dora, è stato anche direttore editoriale di società di grafica e ha contribuito alla nascita di numerose testate locali anche di Piemonte e Liguria. Si è occupato inoltre sport dirigendo società calcistiche del Piemonte e della Valle d'Aosta.

I suoi funerali si svolgeranno domani, martedì, alle ore 10.30 a Fontainemore.

Numerosi i messaggio di cordoglio arrivati alla notizia della sua scomparsa.

Barbero era «uno dei punti fermi del giornalismo valdostano», scrive l'Ordine dei giornalisti della Valle d'Aosta. «Il suo carattere socievole e allegro gli aveva permesso di raccoglire attorno a sé molti giornalisti, esperti e alle prime armi, e dare loro la possibilità di esprimersi attraverso un giornale che ha raggiunto un'autorevolezza che dura nel tempo».

La presidente della giunta regionale Nicoletta Spelgatti ha espresso cordoglio a nome suo e del governo regionale.  «Alla moglie Viviane e ai figli Alain e Stephanie vanno le sincere condoglianze dell’intero Esecutivo regionale», si legge in una nota.

Anche il presidente del Consiglio regionale, Antonio Fosson, e la presidente del Corecom, Enrica Ferri, esprimono cordoglio. «Porgiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia in questo momento difficile - si legge nel messaggio -, ricordando un giornalista capace, sempre pronto all'ascolto e attento a dare spazio ai giovani che si affacciavano alla professione».

«Oltre che collega all'interno del Comitato - aggiunge Ferri -, Walter è stato un collega giornalista con cui non sono mai mancati i momenti di confronto costruttivo. Insieme con i Consiglieri e con tutta la struttura del Corecom, esprimo la vicinanza alla moglie, ai figli, ai nipoti».


Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it