Inchiesta Casinò, ok del giudice all'uso di intercettazioni


Le registrazioni sono legate ad un'inchiesta per riciclaggio. Contrarie le difese degli 8 imputati

TribunaleAOSTA. Nel processo per truffa e falso in bilancio sul Casinò di Saint-Vincent potranno essere utilizzate delle intercettazioni effettuate per una diversa inchiesta.

Il gup Paolo De Paola nel corso dell'udienza preliminare di questa mattina ad Aosta ha infatti dichiarato utilizzabili gran parte delle registrazioni legate ad indagini per riciclaggio per una inchiesta del 2016.

La procura le ritiene importanti ai fini del processo mentre le difese degli otto imputati si erano opposte all'uso in aula di quelle conversazioni proprio perché carpite per un diverso procedimento.

Il processo riguarda i 140 milioni di euro di fondi pubblici erogati alla casa da gioco valdostana e in particolare la veridicità del bilancio e l'occultamento di perdite per milioni di euro. Sugli stessi finanziamenti è nata anche un'inchiesta della Corte dei Conti.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it