Aymavilles, madre uccide i due figli e si toglie la vita


I bambini uccisi con un'iniezione letale dalla donna, un'infermiera dell'ospedale di Aosta. Il sindaco: "è uno strazio"

AymavillesAYMAVILLES. Uccide i due figli Nissen e Vivien, di 7 e 9 anni, poi si toglie la vita. Prima di compiere il folle gesto Marisa Charrère, 48 anni, sembra abbia scritto due lettere. E' accaduto ad Aymavilles.

La tragedia si è consumata ieri sera. Prima di suicidarsi la donna, infermiera dell'ospedale, avrebbe ucciso i suoi figli con una iniezione letale composta da un cocktail di farmaci presi sul posto di lavoro.

«Li ho visti l'ultima volta sabato scorso, per l'arrivo del nuovo parroco in paese. Sembrava assolutamente tutto in ordine - afferma il sindaco di Aymavilles, Loredana Petey, sotto choc come il resto del paese -. Mi ha chiamata questa notte il vicesindaco, avvisato da un vicino. E' uno strazio». Marisa Charrère e il marito, Osvaldo Empereur, sono entrambi «molto conosciuti in paese, anche le loro due famiglie sono di qui. I loro bambini praticavano sci di fondo», aggiunge il sindaco.

La donna aveva perso il padre in giovane età a causa di un incidente stradale. Diciotto anni fa anche il fratello, Paolo, morì in un incidente.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it