Indagine su concorso Usl, Riesame: tema scelto avvantaggiò candidato


I giudici di Torino hanno sospeso il primario di ginecologia del Beauregard

ospedale BeauregardAOSTA. Una delle prove del presunto concorso truccato dell'Azienda Usl per assumere un ginecologo sarebbe stata pensata ed elaborata con «l'evidente fine di avvantaggiare uno dei partecipanti». Lo scrive il tribunale del Riesame di Torino per motivare il via libera alla sospensione di Livio Leo, primario di Ginecologia ed ostetrica dell'ospedale Beauregard, indagato dalla procura di Aosta.

I giudici di Torino hanno accolto il ricorso del pm Luca Ceccanti contro la decisione del gip di Aosta di rigettare la domanda di sospensione. Nell'ordinanza scrivono che nella «predisposizione degli argomenti da trattare nella prova orale» sono state inserite «soltanto domande aventi ad oggetto la "distocia di spalla", nelle sue varie declinazioni». Su questo argomento il candidato «aveva svolto addirittura una docenza» insieme al «presidente della commissione, odierno indagato», e cioè proprio Livio Leo.

L'inchiesta sul concorso è per abuso d'ufficio e rivelazione del segreto d'ufficio.

 

M.C.



Pin It
© 2020 Aostaoggi.it