Valle d'Aosta, reati in calo per il quarto anno consecutivo

Carabinieri

AOSTA. Per il quarto anno consecutivo il trend dei reati in Valle d'Aosta è in calo. Negli ultimi 12 mesi, fino al 31 maggio 2019, si è verificato l'1% di reati in meno ed in parallelo c'è stato un incremento del 10% dei casi risolti. I dati sono stati diffusi dal Comando regionale dei Carabinieri della Valle d'Aosta in vista delle celebrazioni per il 205° anniversario della fondazione. 

L'Arma si occupa del 75 per cento dei reati denunciati nella nostra regione: 2.495 delitti in tutto tra il 1° giugno 2018 ed il 31 maggio 2019, di cui il 27% scoperto (contro il 25% dello scorso anno). Da registrare anche le 925 persone deferite all'autorità giudiziaria (il 18% è straniero), 53 delle quali arrestate.

Reati contro il patrionio in calo
Quasi il 40% dei reati perpetrati sono contro il patrimonio e, rispetto al periodo precedente, risultano diminuiti del 14%. L'andamento positivo riguarda anche i furti in abitazione: da 376 sono passati a 215 (-43%) per merito anche della diffusione dei sistemi di videosorveglianza e dei controlli preventivi capillari delle pattuglie sul territorio (+34% di persone controllate e +28% di veicoli). Calano inoltre le violenze (da 8 a 5) tre sono i casi di rapina impropria (uno in un esercizio commerciale e due su pubblica via).

Truffe on line in crescita
Ad aumentare significativamente sono le truffe on line e dell'e-commerce: +50% in un anno con 334 casi denunciati e 78 scoperti (+14%). Come spiegato dal colonnello Emanuele Caminada, presente in conferenza stampa insieme al tenente colonnello Maurizio Pinardi, si tratta in molti casi di raggiri che potevano essere evitati, o quantomeno contenuti nei danni, con qualche piccolo accorgimento.

Servizi di ascolto
I Carabinieri in Valle d'Aosta ne hanno effettuati più di 700 a favore delle fasce deboli partendo dalle scuole e allargandosi via via ad altri ambiti, parrocchie, uffici comunali e postali, centri anziani. Anche grazie a questo lavoro è stato possibile effettuare alcuni arresti in flagranza di reato nei confronti dei truffatori di anziani.

Lavoro sommerso
Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro è intervenuto 85 volte nei 12 mesi presi in considerazione. Su 419 lavoratori controllati, 91 sono risultati irregolari e 36 "in nero". Allevamento e ristorazione sono i settori dove il lavoro irregolare è più diffuso.

 

 

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it