REGIONALI   SPECIALE ELEZIONI  COMUNALI

'ndrangheta, CC: "sostegno elettorale in cambio di lavoro e agevolazioni

Caserma carabinieriaox600

AOSTA. Sostegno alle elezioni in cambio di posti di lavoro e aiuti nelle procedure amministrative: sarebbe questo l'accordo stretto tra i componenti della 'locale di 'ndrangheta di Aosta e i politici sospettati di aver accettato il loro aiuto.

Si tratta sempre di una ipotesi, una ricostruzione frutto del lavoro di mesi dei carabinieri che hanno intercettato e monitorato i presunti affiliati al sodalizio criminale e i politici che avrebbero detto "sì" allo scambio di favori.

Secondo i carabinieri, come si legge nella documentazione consegnata al pm torinese Valerio Longi e depositata ieri in occasione dell'udienza preliminare davanti al gup per Geenna, "il sostegno elettorale del 'locale'" a Renzo Testolin, Laurent Viérin, Luca Bianchi, Marco Sorbara, Stefano Borrello, Antonio Fosson ed Augusto Rollandin "non è stato a titolo gratuito", bensì "finalizzato ad ottenere posti di lavoro, ovvero agevolazioni in pratiche amministrative sia per gli affiliati che per i soggetti vicini al sodalizio, ovvero ancora, e questo è il caso della Carcea, per puntare alla carica di sindaco di Saint-Pierre alle prossime elezioni amministrative del 2020". Si parla in quest'ultimo caso di Monica Carcea, ex assessore comunale di Saint-Pierre arrestata e attualmente ai domiciliari per concorso esterno in associazione mafiosa.

 

 

 

M.C.

 

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it