Danno erariale per lavori mal eseguiti, 3 assolti dalla Corte dei Conti

Una perizia smentisce le difformità contestate dalla procura: assolti funzionario regionale e direttori dei lavori

 

 

Corte dei ContiAOSTA. Termina con tre assoluzioni il processo davanti alla Corte dei Conti della Valle d'Aosta per un danno erariale nei confronti della Regione nell'ambito dei lavori sui sentieri di montagna del progetto Giroparchi. La procura contabile contestava un danno di oltre 72mila Euro per "l'esborso sostenuto per opere non realizzate e per lavorazioni qualitativamente al di sotto della soglia richiesta".

Sotto accusa il funzionario regionale aostano Alessandro Ceccon, 50 anni, accusato di non aver svolto i dovuti controlli sulle opere pagate dalla pubblica amministrazione, e i due direttori dei lavori, il 53enne Duilio Gal di Châtillon e il 61enne Aldo Neyroz di Sarre. Tutti sono stati assolti.

A scagionarli è stata una consulenza tecnica d'ufficio che ha verificato l'assenza di una "spesa priva di utilità in pregiudizio all'erario regionale" e che le opere del progetto erano state realizzate "a regola d'arte". Rispetto al progetto non era stata effettuata la sistemazione di alcune "piante autoctone", un intervento del valore di 265 Euro che secondo i giudici "non consentirebbe, ragionevolmente, di ritenere in capo al Ceccon, la sussistenza della gravità della colpa".

Alla Regione i giudici hanno ordinato di sostenere le spese della consulenza e quelle di lite per oltre 7mila Euro.

Nell'ambito della stessa contestazione un altro direttore dei lavori aveva estinto il giudizio pagando alla Regione poco meno di 2.500 Euro.

 

 

M.C.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it