Corruzione in Valle d'Aosta, al via a Torino il processo d'Appello

 

giudiceAOSTA. In Corte di Appello di Torino è iniziato il processo di secondo grado sulla corruzione in Valle d'Aosta. Sei le persone sotto accusa, inclusi l'ex presidente della Regione Augusto Rollandin, l'imprenditore Gerardo Cuomo e l'ex consigliere delegato del Forte di Bard Gabriele Accornero.

Questa mattina in udienza per circa un'ora il giudice relatore ha esposto i fatti riferiti alla causa. Il processo riprenderà il prossimo 14 maggio per la requisitoria del sostituto procuratore Giancarlo Avenati Bassi, ex procuratore facente funzione ad Aosta.

Le accuse riguardano il trasferimento del Caseificio Valdostano all'interno di spazi dell'Autoporto Spa in cambio di sostegno elettorale, alcune forniture alla gara di endurance trail 4K e dei lavori effettuati al Forte di Bard. I giudici dovranno valutare la richiesta di assoluzione delle difese e il ricorso della procura di Aosta contro la sentenza di primo grado che, pur disponendo delle condanne, ha stabilito l'assoluzione dall'accusa di associazione per delinquere nei confronti di Accornero, Cuomo e Rollandin.

In primo grado l'attuale consigliere regionale Augusto Rollandin era stato condannato a 4 anni e 6 mesi per corruzione, l'imprenditore Gerardo Cuomo 3 anni e 8 mesi per corruzione e turbata libertà degli incanti e Gabriele Accornero a 4 anni e 6 mesi e 20 giorni per i due reati e per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Gli altri imputati sono il libero professionista Simone D'Anello, 33 anni; l'artigiano edile Salvatore d'Anello, 47 anni, e l'imprenditore Davide Bochet, 53.

 

Marco Camilli

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it