Fontine adulterate, l'accusa ricorre in appello per 33 imputati assolti

A fine ottobre il Tribunale di Aosta ha assolto 43 imputati e condannato 5 persone - VIDEO

Tribunale2AOSTA. Il pubblico ministero Pasquale Longarini ha chiesto il ricorso in Appello per gran parte dei 43 imputati assolti nel processo sulla fontina adulterata e il bestiame contaminato.

Il pm si rivolge ai giudici di Torino per 33 persone che il Tribunale di Aosta ha assolto da accuse che vanno dal maltrattamento di animali all'esercizio abusivo di professione, dalla truffa dai danni della Regione e alla frode in commercio.

 

Per molti dei fatti contestati risalenti anche al 2008 la prescrizione è ormai vicina. Per alcune accuse il termine era già scaduto il 30 ottobre scorso, giorno della sentenza di primo grado (nel video in basso).

Per la maxi inchiesta cinque persone sono state state riconosciute colpevoli: Angelo Cabraz ed Eliseo Duclos (4 anni per entrambi); Claudio Trocello (3 anni e 6 mesi); Antonio Albisetti (2 anni e 6 mesi) e Marisa Cheillon (1 anno e 6 mesi). Le rispettive difese hanno anche loro annunciato ricorso in Appello.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it