Costi della politica, il procuratore di Aosta chiede 30 anni di carcere

 

Mineccia ha chiesto condanne per tutti i 24 imputati

Tribunale-storAOSTA. E' durata tre ore la requisitoria del procuratore capo di Aosta Marilinda Mineccia nell'udienza di questa mattina per il processo sui cosiddetti costi della politica.

Al termine l'accusa ha chiesto la condanna di tutti i 24 imputati di questa prima tranche del processo per un totale di 30 anni di carcere e 600.000 euro di multa, più l'interdizione temporanea dai pubblici uffici (e la sospensione condizionale della pena) per tutti gli imputati.

Le accuse sono, a vario titolo, di peculato, finanziamento illecito di partiti e indebita percezione di contributi pubblici. Le pene più pesanti, due anni e quattro mesi di reclusione, sono state chieste per Massimo Lattanzi, ex consigliere regionale del Pdl, e Leonardo La Torre, ex Fédération autonomiste oggi consigliere Uv.

Per quanto riguarda gli altri attuali consiglieri a processo la procura ha chiesto: per il gruppo Alpe, un anno e quattro mesi per Patrizia Morelli, un anno per Albert Chatrian, due mesi e venti giorni e 1.200 euro di multa per Chantal Certan; per il Pd un anno, otto mesi e venti giorni per Raimondo Donzel e un anno e dieci mesi per Carmela Fontana; per l'Uv un anno e 200.000 euro di multa per Ego Perron.

Per gli altri imputati le richieste sono: Claudio Lavoyer, di Fédération autonomiste, un anno e dieci mesi di reclusione; per gli ex consiglieri PdL Anacleto Benin due anni, Enrico Tibaldi un anno e otto mesi, Alberto Zucchi un anno e otto mesi; per il Pd Gianni Rigo un anno e otto mesi, Ruggero Millet otto mesi, Davide Avati quattro mesi e 4.400 euro di multa, Giuseppe Rollandin tre mesi e mille euro di multa, Erika Guichardaz due mesi e ventiquattro giorni e 320 euro di multa, Emilio Martino Zambon due mesi e ventidue giorni di reclusione e 320 euro di multa. Ancora, per il gruppo Uv, per Diego Empereur un anno e quattro mesi, per Osvaldo Chabod un anno e 200.000 euro, per Guido Grimod dieci mesi e 200.000 euro di multa; per il gruppo Alpe, Roberto Louvin un anno e sei mesi di reclusione, Giuseppe Cerise un anno di reclusione, Giovanni Sandri un anno e otto mesi.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it