Consiglio di Stato conferma: niente armi a ex poliziotto con condanne

 

Il provvedimento era stato preso dal prefetto

consiglio-statoAOSTA. Il Consiglio di Stato ha confermato la decisione della presidenza della Regione di vietare la detenzione di armi ad un ex poliziotto condannato per detenzione illegale di armi e altri reati.

La vicenda riguarda un ex agente, destituito nel 2009, che all'epoca era vice sovrintendente. Il divieto fu adottato dal presidente della Regione nell'esercizio delle sue funzioni prefettizie e oggetto di un primo ricorso, ma venne confermato dal Ministero dell'Interno e ora anche dal Consiglio di Stato.

Secondo i giudici la misura diretta a vietare la detenzione delle armi richiede che nei confronti del detentore "esista la completa sicurezza circa il buon uso delle armi, essendo sufficiente che il soggetto abbia dato prova di non essere del tutto affidabile quanto al loro uso, perché la detenzione non possa essere consentita".

 

redazione

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it