La morte di Silvio Prola getta Verrès nello sconforto

 

Tanti i messaggi degli amici del 25enne lasciati su Facebook

prola-silvioAOSTA. Aveva trascorso la domenica a Fénis per l'ultima giornata dell'Assemblée régionale de Chant Choral insieme agli amici del coro di Verrès di cui faceva parte. Poi la mattina si è sdraiato sui binari della ferrovia a Fénis. Silvio Prola, 25 anni, è morto intorno alle 5.30 investito dal treno 4002 partito un quarto d'ora prima da Aosta e diretto a Ivrea.

Il suicidio è l'ipotesi per ora più accreditata e anche la più sconvolgente per parenti e amici. Il giovane di Verrès non ha lasciato messaggi di addio e nessuno pare fosse a conoscenza di un suo disagio interiore.

Alla notizia della sua morte amici e conoscenti hanno lasciato numerosi post sulla sua pagina Facebook. "Ciao Silvio vogliamo ricordarti sorridente, sempre presente per tutti. Vogliamo ricordarti mentre canti con la tua splendida voce. Grazie per quello che hai fatto per noi. Speriamo che da lassù proteggerai chi ti vuole bene" è uno dei messaggi pubblicati.

 

M.C.

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it