Inchiesta sulle spese pazze in Consiglio Valle, filoni riuniti in Appello

 

L'udienza a Torino per 26 imputati si svolgerà il 28 novembre

AOSTA. Sono state unificate a Torino le due tranche dell'inchiesta sulle spese pazze dei gruppi consigliari regionali, quella che riguarda esponenti di Alpe, Fédération Autonomiste, Partito Democratico, Popolo della libertà e Union Valdôtaine e quello che coinvolge esponenti di Stella Alpina.

Il giorno dell'udienza, il 28 novembre dalle ore 9, davanti ai giudici compariranno 26 imputati tra consiglieri regionali della presente e della passata consiliatura e funzionari di partito. In primo grado tutti sono stati assolti perché "il fatto non sussiste" o "il fatto non costituisce reato" dalle accuse che sono, a vario titolo, di peculato, finanziamento illecito di partiti ed indebita percezione di contributi pubblici.

Il ricorso in Appello a Torino era stato chiesto dal procuratore capo di Aosta Marilinda Mineccia, ma l'accusa sarà sostenuta dal sostituto procuratore Giancarlo Avenati Basso. Mineccia è stata appena nominata dal Csm procuratore capo di Novara.

 

Marco Camilli

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it