Coronavirus, Pont-Saint-Martin: strade deserte e aziende svuotate

Pin It

Nel Comune valdostano 3 positivi al Covid-19. Preoccupano le conseguenze a lungo termine per lo stop al commercio

 

Pont-Saint-Martin

PONT-SAINT-MARTIN. Sabato 14 marzo, ore 10,30, appare deserto il centro storico di Pont-Saint-Martin. Il Covid 19 ha sterilizzato l'economia della cittadina della bassa Valle, che vede il Comune per la sua posizione di confine con il Piemonte, uno dei centri primari di controllo sullo spostamento degli automezzi in transito per le frontiere franco-svizzera e nel senso contrario verso la piana del Canavese e la padania. Per tali motivi, venerdì notte i due accessi sono stati presidiati sulla strada statale dalla Guardia Forestale, e all'ingresso dell'autostrada dalla Polizia stradale, che hanno rigorosamente applicato le disposizioni di legge fermando le auto per i dovuti accertamenti.

L'amministrazione comunale venerdì sera alle 21, su decisione del Sindaco Marco Sucquet, è stata convocata in forma plenaria, presente la Giunta e tutti i Consiglieri comunali con un solo punto all'ordine del giorno: analizzare, condividere le informazioni e esaminare l'impatto del Covid 19 sul territorio del Comune, allargato alla circostanze che lo coinvolgono.

Il Sindaco ha dichiarato che sono attualmente tre le persone positive per le quali ha redatto le ordinanze, due sono a Pont-Saint-Martin e una è ricoverata presso l'ospedale di Aosta; una persona di un nucleo familiare è in attesa di riscontro dal tampone, e 16 sono le persone in isolamento presso le proprie abitazioni.

Pont-Saint-Martin

Il Comune è rimasto aperto su prenotazione telefonica e sono stati assicurati tutti i servizi per competenza di ruolo, mantenendo le condizioni di sicurezza disposte. Totale la disponibilità del Sindaco a disposizione 24 ore su 24 nei confronti dei residenti: per informazioni, segnalazioni o per qualsiasi richiesta.

Inoltre è stato attivato da mercoledì scorso il COC “Centro Operativo Comunale” formato da tecnici, membri dell'amministrazione comunale, dal dottor Ruffino e il referente del distaccamento dei Vigili del Fuoco.

Nel polo industriale della bassa valle in area Cascine, le stesse Aziende hanno provveduto riducendo drasticamente i dipendenti operativi. La Engineering, che opera attraverso un network integrato di 4 data center dislocati a Pont-Saint-Martin, Torino, Milano, Vicenza, con un sistema di servizi e un’infrastruttura ad alto standart, è passata dai circa 350 tecnici in sede ad una quarantina, attuali.

Dall'amministrazione comunale si fa presente che sono continui i rapporti con le istituzioni, la Protezione civile e l'Usl, cosi come pure i rapporti determinanti a livello regionale del Celva.

Oggi, Pont-Saint-Martin non ha luogo come consuetudine il suo mercato del sabato, nelle piazze centrali della cittadina sospeso con ordinanza, lo stesso riprenderà mercoledì 18 in piazza I° Maggio per poi trasferirsi dal prossimo sabato 21 in piazza IV Novembre, esclusivamente per i generi di prodotti alimentari con il metro di distanza per i clienti.

Pont-Saint-Martin

L'economia del Comune di “frontiera” sta subendo un duro colpo, e se prima del Covid 19 commercianti ed artigiani erano in difficoltà, oggi è veramente difficile sostenere e sperare in un andamento dell'economia diverso da quello di una profonda crisi. L'assessore Xavier Laurenzio a fianco dei commercianti e artigiani con i quali ha un rapporto costante, non nasconde la sua preoccupazione, ma «la prima necessità di oggi è battere il virus», e riconosce il «fronte compatto di commercianti e artigiani che hanno reagito con intelligenza alle disposizioni chiudendo le proprie attività commerciali».

Anche la popolazione di Pont-Saint-Martin, fatto salvo qualche raro caso, sta reagendo con ordine e senso civico alle ordinanze del decreto ed a quelle comunali, difatto la risposta è stata unitaria ed il senso di rispetto e di solidarietà ha prevalso su atteggiamenti deprecabili verificatesi in altri Comuni. Di certo rimane il traumatico momento al quale nessuno era preparato che anche secondo l'Associazione dei Commercianti del Comune avrà delle ripercussioni nel medio e lungo periodo, con grandi difficoltà da un punto di vista gestionale e soprattutto economico.

 

Ennio Jr Pedrini

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini /  Direttore editoriale Marco Camilli  /  Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005  /  P.IVA 01000080075
© 2020 Aostaoggi.it