.

Test Covid a tappeto nei 3 Comuni valdostani zona rossa

Verrayes, Saint-Denis e Chambave sono in isolamento. Chiusa la Statale 26

 

Zona Rossa a Verrayes

AOSTA. È entrata in vigore nella notte la quarantena totale per i comuni di Chambave, Saint-Denis e Verrayes, i tre centri "zona rossa" della Valle d'Aosta dove l'indice Rt del coronavirus ha superato la soglia di allerta.

L'ordinanza firmata dal presidente della Regione è arrivata dopo una riunione urgente del Centro Coordinamento Soccorso del Sistema di protezione civile, convocata ieri nel primo pomeriggio.

Per gli abitanti si ritorna in sostanza alle regole del lockdown della scorsa primavera: non si esce di casa se non per fare la spesa o per comprovate esigenze o per fare una passeggiata, rimanendo però in questo caso nelle vicinanze di casa. Non si possono chiaramente abbandonare i confini comunali. L'attività agricola è permessa anche a chi risiede fuori dai tre comuni previa autorizzazione del sindaco.

Tamponi per tutta la popolazione

Una delle prime azioni previste nei tre comuni è l'effettuazione di tamponi a tappeto. Tutti gli abitanti saranno testati per identificare tutti i casi positivi, soprattutto gli asintomatici, e in questo modo mappare i contagiati. Le autorità potranno in questo modo comprendere l'esatta diffusione del virus e attivare le opportune iniziative. Da questa operazione saranno esclusi soltanto i bambini in età pediatrica.

Scuola e Statale 26 chiuse

Le scuole in tutti i tre Comuni sono chiuse. Per le lezioni quindi si tornerà alla didattica a distanza. Chiusa anche la strada statale 26 con posti di blocco delle forze dell'ordine. Il traffico è deviato sull'autostrada A5. Il transito tra i caselli di Aosta e Châtillon e tra Nus e Châtillon in questo periodo sarà gratuito.

Sav specifica che "i veicoli che entrano alla stazione autostradale di Châtillon ed escono a quelle di Nus o Aosta Gran San Bernardo e quelli che entrano alle stazioni di Aosta Gran San Bernardo e Nus ed escono a quella di Châtillon sono esentati dal pagamento del pedaggio esclusivamente se utilizzano il Telepass o una pista manuale presidiata da operatore".

Allestita una sala operativa

Nella sede della Protezione civile una Sala operativa monitorerà la situazione nei tre paesi. La struttura si occuperà di ricevere le richieste della popolazione nei giorni di chiusura e di gestirle per tentare di ridurre al minimo i disagi, per quanto possibile in una situazione di emergenza come quella attuale.

Rimane sempre attivo il numero verde della protezione civile 800 122 121.

 

 

M.C.

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2021 Aostaoggi.it