.

Esternalizzazione servizi alla persona, Unité Mont Emilius incontrerà i sindacati

Il giudice del lavoro di Aosta ha sospeso la validità della delibera

 

MicrocomunitàQUART. I dieci sindaci dell'Unité Mont Emilius incontreranno le organizzazioni sindacali per confrontarsi sulla proposta di esternalizzare i servizi alla persona. La decisione fa seguito allo stop arrivato dal giudice del lavoro di Aosta.

Il tribunale, interpellato dalle organizzazioni sindacali, si è espresso chiaramente: la validità della delibera sull'affidamento a società esterne dei servizi è sospesa fino a quando i sindacati della Funzione pubblica non saranno informati nel dettaglio sulle intenzioni dell'ente pubblico e su tutti gli aspetti della novità.

L'Unité dal canto suo ribadisce di "non aver adottato un comportamento antisindacale, perché un confronto con le parti sociali non appariva necessario". 

II presidente Michel Martinet spiega: "Intanto il provvedimento adottato è una delibera di intenti senza alcuna data di inizio di attività, l’esternalizzazione non avrà ricadute sui dipendenti poiché nessuno degli attuali addetti sarà licenziato, anzi, supponiamo che la nostra decisione produrrà addirittura benefici occupazionali, visto che il gestore dovrà assumere nuovi dipendenti". 

L'affidamento a terzi del servizio, a detta dell'Unité, avrà dei benefici sugli assistiti. Rivolgendosi a società esterne "riteniamo che le prestazioni a favore degli assistiti potranno solamente migliorare e ampliarsi e, al tempo stesso, si potranno generare ricadute positive dal punto di vista sociale ed economico. Gli anziani, se adeguatamente supportati, potranno restare nei propri domicili, quindi l'accesso di un minor numero di persone nelle strutture di accoglienza genererà un risparmio gestionale che si tradurrà in vantaggio economico per l’intera comunità". Martinet cita l'esempio di Aosta e di altre realtà in cui "il servizio al domicilio è gestito da situazioni private con risultati di ottima qualità per gli utenti".

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it