Interski cancella tutte le prenotazioni in Valle d'Aosta

Il tour operator britannico rinuncia alle vacanze sportive in Valle: troppe difficoltà e incertezze per l'emergenza Covid

 

InterskiAOSTA. Interski rinuncia ai comprensori sciistici della Valle d'Aosta nell'imminente stagione invernale. L'annuncio del tour operator britannico è arrivato con una comunicazione inviata da Buster Cheetham agli albergatori già preoccupati per una stagione che potrebbe non iniziare nemmeno.

Annullate tutte le prenotazioni

Troppe le difficoltà ad organizzare anche solo i viaggi da Paese all'altro. Interski ricorda "l'imposizione della quarantena all'ingresso sia in Italia che in Francia e all'ingresso di ritorno nel Regno Unito". Inoltre le autorità d'oltremanica hanno raccomandato di evitare i viaggi non essenziali in Italia e anche i viaggi scolastici all'estero. A questi ostacoli si aggiunge la totale incerteza sull'evoluzione dell'epidemia e le restrizioni che oggi - e non si sa fino a quando - tengono chiuse le stagioni sciistiche.

"Le restrizioni governative in vigore - spiega Interski - significano che sfortunatamente questa stagione invernale non può andare avanti e siamo costretti a cancellare tutte le prenotazioni poiché non possiamo garantire la sicurezza del nostro personale e dei clienti, né possiamo fornire il livello di servizio per soddisfare le aspettative dei nostri clienti".

Crescono i timori per la stagione invernale

In termini concreti, con la rinuncia di Interski le stazioni di Pila, Courmayeur e La Thuile e la Valle d'Aosta tutta dovrà fare a meno di migliaia di ragazzi britannici che ogni inverno soggiornano e sciano nelle stazioni sciistiche valdostane assicurando un importante contributo al settore turistico dell'intera regione. 

Soprattutto, il passo indietro del tour operator britannico rende ancora più concreti i timori di una stagione turistica invernale che potrebbe non decollare mai con ripercussioni difficili da immaginare per tutta l'economia valdostana.

 

 

Marco Camilli

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it