.

L'edilizia traina l'aumento delle imprese in Valle d'Aosta

Rapporto della Chambre sul III trimestre 2021: commercio in timida ripresa mentre il turismo continua a patire gli effetti del Covid

 

Cantiere edile

Cresce il numero delle imprese attive in Valle d'Aosta e l'edilizia è tra i settori che contribuiscono di più all'andamento positivo del terzo trimestre 2021. È effetto probabilmente del superbonus e dei bonus sulle costruzioni che permettono al comparto edile di vivere un periodo roseo in netto contrasto con il passato. Commercio e del turismo, generalmente in crescita, patiscono invece i pesanti effetti della pandemia e subiscono un crollo delle iscrizioni.

Questo il quadro che emerge dal rapporto della Chambre Valdôtaine sulle imprese registrate in Valle d'Aosta nel terzo trimestre 2021.

Il dato aggiornato al 30 settembre è di 12.286 imprese registrate, in aumento dello 0,1% rispetto al precedente trimestre e dello 0,5% rispetto allo stesso periodo del 2020. L'andamento è simile a quello nazionale. 

Come evidenziato dal rapporto, la vitalità del settore delle costruzioni è rappresentata dalle 25 imprese registrate nel terzo trimestre che si traduce in un +31,6% rispetto al terzo trimestre 2020 (in Italia la crescita è del 7,9%). Commercio e turismo segnano, rispettivamente, +13 e +10 imprese. In termini percentuali il calo sul terzo trimestre 2020 è del 23,5% per il commercio e del 47,4% del turismo. Tuttavia mentre il settore commercio è riuscito a recuperare qualcosa nel corso del 2021, per il turismo l'andamento rimane caratterizzato dal segno "meno". Iscrizioni in crescita, invece, per il settore agricoltura e attività connesse: le 8 nuove iscrizioni tra luglio e settembre 2021 corrispondono a un aumento del 33,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

«La dinamica di iscrizioni e cessazioni non d’ufficio evidenzia un saldo positivo di 44 imprese, mostrando così un recupero rispetto ai trimestri estivi pre - pandemici più recenti (nel III trim 2019 era di + 38 imprese e nello stesso periodo 2020 era di + 40 imprese)», segnala la camera di commercio valdostana.

Il rapporto della Chambre evidenzia anche «l'erosione delle imprese non classificate (-43 imprese sul II trim 2021, -66 imprese sul III trim 2020), ossia prive del codice relativo all'attività economica; in particolare il calo riflette la flessione delle imprese inattive - iscritte al registro imprese ma non operative - che probabilmente hanno ritenuto del tutto compromesse le proprie possibilità di sopravvivenza».

 


Clara Rossi

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it