Oggi è il

Discarica Pompiod, 3a Commissione: riconsiderare proseguimento attività

  • Pubblicato: Lunedì, 11 Novembre 2019 14:16
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It

3a CommissioneAOSTA. La petizione depositata di recente in Consiglio regionale con le firme di oltre 1.100 cittadini contrari alla discarica di Pompiod, nel comune di Aymavilles, ha concluso oggi il suo iter in terza Commissione consiliare "Assetto del territorio". L'esame del documento ha portato all'elaborazione di una relazione approvata a maggioranza con il voto contrario di Adu Vda e l'astensione dei gruppi Lega Vda e Mouv'.

Alessandro Nogara (AV), presidente della terza Commissione, riassume i contenuti della relazione: «la Commissione reputa che, a fronte delle comprensibili preoccupazioni dei cittadini, la Giunta e il Consiglio debbano porre la massima attenzione, approfondendo tutti gli aspetti e arrivando a riconsiderare il proseguimento dell'attività di questo tipo di discariche sul nostro territorio regionale

La terza Commissione ha lavorato con «trasparenza e partecipazione», aggiunge Nogara. «Tutti i portatori di interesse hanno avuto la possibilità di esprimersi e di confrontarsi, anche avvalendosi dei vari esperti, e tutta la documentazione acquisita sarà resa pubblica sul sito internet del Consiglio dopo la discussione in aula» nel corso della seduta prevista il 20 e 21 novembre.

Secondo Daniela Pulz (Adu) la relazione è invece «parziale» e «non rende merito della complessità del lavoro fatto dalla terza commissione e anche dal comitato dei firmatari di Aymavilles e Jovençan». Secondo l'esponente di Adu la discarica deve essere «immediatamente chiusa perché non vediamo quale sia il vantaggio dal punto di vista ambientale di tenere aperta una discarica in un sito naturale così delicato come quello di Pompiod».

 

 

 

Clara Rossi

 

 

 

Altre news di politica

Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Jr. Ennio Pedrini
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075