Approvato il terzo pacchetto di misure per l'emergenza Covid-19

Tante le misure previste, dai contributi anche a fondo perduto per le imprese all'istituzione dell'Osservatorio regionale epidemiologico

 

consiglio regionale


AOSTA. È stato necessario attendere più di una settimana e mezza trascorsa tra discussioni, votazioni, confronti anche accesi e compromessi, ma alla fine il Consiglio regionale della Valle d'Aosta ha approvato la legge Assestamento al bilancio di previsione della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d'Aoste per l'anno 2020 e misure urgenti per contrastare gli effetti dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il via libera è arrivato grazie all'accordo raggiunto tra la giunta regionale, sprovvista di una maggioranza in grado di votare il testo, e le opposizioni che hanno portato l'esecutivo a scendere a patti dopo i pesanti inciampi provocati dalle votazioni segrete su questioni centrali come i trasferimenti ai Comuni.

Il risultato dell'accordo è stato comunque efficace, almeno dal punto di vista dei tempi: in mattinata l'aula ha terminato l'esame di articoli, emendamenti e subemendamenti con una votazione dopo l'altra, senza lasciare spazio al dibattito. L'approvazione è avvenuta a larga maggioranza in serata, dopo gli interventi conclusivi dei vari gruppi. Non c'è stata unanimità: il voto, segreto, si è concluso con 31 sì, 2 no e 2 astensioni (una delle quali da parte di Pnv-Ac-Fv). Anche tra coloro che hanno votato a favore sono rimaste perplessità su alcune misure. La legge comunque è passata.

Il testo introduce contributi a fondo perduto alle imprese e forme di sostegno per le categorie più toccate dalla crisi, aiuti per l'occupazione, indennità ed erogazioni una tantum per i lavoratori della sanità e delle microcomunità che hanno vissuto a contatto diretto con l'emergenza Covid e anche - come detto - trasferimenti ai Comuni che dovranno contribuire a sostenere le economie locali. Ci sono inoltre misure per aiutare la liquidità delle imprese, proposte sui temi della disabilità, contributi straordinari per eventi culturali e sportivi e 2,7 milioni di euro (prima erano 1,5)  per potenziare l'organico scolastico.

Il provvedimento contiene anche finanziamenti per il Forte di Bard, interventi per gli impianti a fune, finanziamenti per l'edilizia scolastica, lavori pubblici straordinari, l'estensione a nuovi mutui stipulati con Finaosta della possibilità di sospendere il pagamento delle rate, deroghe sul bilinguismo nel settore sanitario, la costituzione di un Osservatorio regionale epidemiologico permanente.

Prima di osservare un minuto di silenzio per le 146 vittime della pandemia e di chiudere la legislatura, l'aula ha rivotato alcuni ordini del giorno la maggior parte dei quali approvati in tema di manifestazioni di artigianato tipico, di proroga dei contratti del personale per gli enti locali, del corretto smaltimento di guanti e mascherine, della nomina di un epidemiologo di comprovata esperienza nazionale e dell'istituzione della Giornata regionale di sensibilizzazione sul tumore metastatico.

 

Marco Camilli



Pin It
© 2020 Aostaoggi.it