Focolaio Covid in alpeggio, Lega: limitare ricadute economiche e sanitarie

'Situazioni di questo genere potrebbero replicarsi, bisogna attivare iniziative di salvaguardia per persone, animali e aziende'

 

AOSTA. La Lega Vallée d'Aoste sollecita il governo regionale e le strutture competenti "affinché adottino protocolli operativi e soluzioni concrete per limitare al massimo le ricadute di natura sanitaria ed economica sugli attori coinvolti e di conseguenza sull’intera filiera latteo-casearia valdostana". Il riferimento è al focolaio di Covid-19 scoperto questa settimana in un alpeggio a Nus.

"Abbiamo appreso con preoccupazione la notizia del nuovo focolaio di Covid-19 rilevato in un alpeggio di Saint-Barthélemy a Nus - dice il partito -. Alla luce del fatto che, sino alla completa cessazione dell’emergenza sanitaria in atto, situazioni di questo genere potranno replicarsi, riteniamo sia necessario assumere tutte le iniziative valide per salvaguardare la salute delle persone coinvolte, il benessere animale e la sopravvivenza delle relative aziende, spesso a conduzione famigliare".

 

 

redazione

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it