Aggravi: escludere Lega da trattative non rispetta la volontà popolare

Il consigliere confermato nell'analisi post-voto: "le prime reazioni fanno pensare ad un tutti contro la Lega"

 

Stefano AggraviAOSTA. Escludere a priori la Lega dal confronto per la formazione della nuova maggioranza sarebbe "un primo atto di totale non rispetto della volontà popolare di una maggioranza di valdostani". Lo afferma Stefano Aggravi, consigliere della Lega appena riconfermato.

"Le prime reazioni dei vari movimenti e partiti che saranno presenti in Consiglio Valle - afferma Aggravi - sembrano far pensare ad un "tutti contro la Lega" nel nome dell'autonomismo-progressista. Vedremo come andranno le varie consultazioni, ma mi permetto di porre a mente fredda una prima considerazione. Possono oggi questi movimenti, partiti e singoli escludere del tutto l’eventualità di dialogare con la prima rappresentanza politica in Consiglio Valle? Credo (e spero) proprio di no, perché altrimenti sarebbe un primo atto di totale non rispetto della volontà popolare di una maggioranza di Valdostani".

"Questo - aggiunge l'esponente leghista - non sarebbe per nulla un buon primo atto di una nuova legislatura le cui aspettative sono ben altre".

 

 

C.R.

 

 

Pin It
© 2020 Aostaoggi.it