.

Marguerettaz: Minelli ed Erika Guichardaz decidano se restare in maggioranza

Il capogruppo Uv alle consigliere del Pcp: «si adeguino alle decisioni o vadano in minoranza»

 

Aurelio Marguerettaz

La spaccatura del gruppo Pcp è approdata nella discussione in Consiglio regionale questa mattina in apertura dei lavori. Tema della discussione: la posizione delle consigliere Chiara Minelli ed Erika Guichardaz. «Una questione non di poco conto», ha detto il capogruppo dell'UV Aurelio Marguerettaz ponendo la questione del voto all'interno delle Commissioni e incalzando le due consigliere. «Certe loro posizioni si collocano al di fuori del perimentro della maggioranza» con conseguenze sul voto in Commissione. Erika Guichardaz è già componente di Commissione mentre Minelli ancora non è stata nominata in alcun organismo da quando si è dimessa da assessore.

«Se le colleghe intendono rimanere in maggioranza ne rispettino le regole e si adeguino alle decisioni» altrimenti «si collochino in minoranza», ha affermato Marguerettaz.

«Non mi sono mai sottratta al mio dovere», ha replicato Minelli spiegando che deciderà dove collocarsi una volta conclusa la verifica sul programma frutto dell'alleanza tra autonomisti e Pcp. «Il perimetro della maggioranza è da definire», ha detto Minelli. Quando questo perimetro sarà stabilito, le due esponenti del Pcp decideranno se vi rientrano o meno.

«Sin dal mese di giugno il Pcp ha presentato ai gruppi autonomisti con cui ha stretto un'alleanza programmatica la richiesta di discutere su alcuni punti e capire se c'era ancora quell'alleanza. Un confronto finora non c'è mai stato», ha ribadito Minelli.

Dai banchi della Lega VdA è intervenuta Nicoletta Spelgatti. «Dall'inizio della legislatura assistiamo a liti, botte da orbi, comunicati stampa e  all'ncapacità di prendere una sola decisione. Questa situazione ce la portiamo avanti da quando siete stati eletti. Da sei mesi il governo è senza un assessore. E intanto la Valle d'Aosta è ferma e attende».

 

 

Elena Giovinazzo

 

 

Pin It

Articoli più letti su Aostaoggi.it

© 2020 Aostaoggi.it